Operai agricoli, rinnovato contratto provinciale di lavoro | Tarantobuonasera

08 Dicembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 08 Dicembre 2021 alle 22:53:00

News Provincia di Taranto

Operai agricoli, rinnovato contratto provinciale di lavoro

foto di Agricoltura
Agricoltura

L’Ebat Faila, l’Ente Bilaterale del comparto agricolo in provincia di Taranto, informa che dal 5 novembre è stato sottoscritto il Contratto Provinciale di Lavoro per gli operai agricoli e florovivaisti della provincia di Taranto per il periodo 2020-2023. La sottoscrizione da parte delle Organizzazioni datoriali Confagricoltura, Cia, Coldiretti e sindacali Flai Cgil, Fai Cisl e Uila Uil (che tra l’altro compongono l’Ebat Faila) è avvenuta dopo un lungo periodo di trattativa che ha visto le Parti confrontarsi anche aspramente, ma con senso di responsabilità, sui vari temi: economici, sociali, previdenziali che riguardano il comparto.

“Il tutto aggravato dalla pandemia che oltre ad aver rallentato i lavori per giungere al rinnovo del Contratto, ha causato, e sta causando, ripercussioni negative sul sistema agricolo tarantino- viene sottolienato in una nota stampa di Ebat Faila- ricordiamo che il Contratto Provinciale Agricolo per gli operai agricoli (a tempo determinato e indeterminato), in provincia di Taranto riguarda una platea di circa 26.000 lavoratori e 4.490 aziende agricole assuntrici di manodopera, con un monte giornate di lavoro di oltre 2.720.000. Il nuovo Contratto prevede un aumento percentuale del 2,2% a partire da dicembre 2021 ed una rivisitazione del mansionario; previste anche clausole sociali e contributi a favore della genitorialità. L’Ente bilaterale comunica, inoltre, che è possibile partecipare ad altri bandi quali trasporto lavoratori, visite mediche, sostegno covid lavoratori e imprese, integrazione malattia e infortuni, borse di studio, contributi visite mediche lavoratori emanati a cura dello stesso Ente. Per ulteriori informazioni visita il sito www.failaebat.it oppure telefonare allo 0997366576 mail failaebat.ta@gmail.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche