“Bu Bù Settete”, si ride dalla paura al TaTà | Tarantobuonasera

09 Dicembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 09 Dicembre 2021 alle 10:55:00

Cultura News Spettacoli

“Bu Bù Settete”, si ride dalla paura al TaTà

foto di “Bu Bù Settete”, si ride dalla paura al TaTà
“Bu Bù Settete”, si ride dalla paura al TaTà

S i ride dalla… paura domenica, 21 novembre, al TaTà (in via Grazia Deledda – quartiere Tamburi), con Silvano Fiordelmondo e Simone Guerro, protagonisti del lavoro teatrale dal titolo “Bu Bù Settete”, in scena per il cartellone “favole&TAmburi”, la rassegna domenicale per famiglie. Ideato e diretto da Francesco Mattioni, Silvano Fiordelmondo, Diego Pasquinetti e Simone Guerro, lo spettacolo racconta il percorso fatto da due strani individui – il professor Aristide Menelao Fanfulla da Lodi, studioso di “paura”, e il suo aiutante Miro Vladimiro, timoroso quanto basta a scatenare processi di identificazione nei bambini – per liberare chiunque da qualsiasi paura. Il mezzo usato è quello della narrazione di storie originali e racconti che si perdono all’alba dei tempi fino all’epilogo finale, dove il buon Vladimiro supererà definitivamente le sue e le vostre paure.

Con la solita ironia, i pupazzi e le scenografie di Marina Montelli, una colonna sonora originale, la compagnia jesina mette in scena magiche suggestioni e momenti indimenticabili in cui le paure più profonde e inconfessate si scioglieranno grazie ad un divertente gioco teatrale. Costo del biglietto, posto unico: euro 6 con prenotazione obbligatoria al numero 366.3473430 (anche whatsapp) in orario d’ufficio. Nel rispetto della normativa vigente, per accedere all’area dell’evento è necessario il green pass, non richiesto ai minori di 12 anni. Sipario ore 18. Il cartellone “favole&TAmburi”, quest’anno alla sua tredicesima edizione, è realizzato dal Crest nell’ambito del progetto regionale “Custodiamo la cultura in Puglia 2021”. In collaborazione con Provincia e Comune di Taranto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche