28 Novembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 28 Novembre 2021 alle 08:11:24

Cronaca News

Perseguita l’ex moglie e minaccia il nuovo compagno, arrestato

foto di La Squadra Mobile della Polizia
La Squadra Mobile della Polizia

Molestie e violenze alla ex moglie e al compagno della donna: arrestato dalla Polizia di Stato. Gli agenti della Squadra Mobile hanno notificato una misura cautelare agli arresti domiciliari ad un 48enne tarantino ritenuto responsabile di ingiurie, minacce e atti persecutori nei confronti della ex moglie e del compagno di quest’ultima La misura cautelare è stata disposta dall’autorità giudiziaria dopo l’ennesima denuncia presentata dalla vittima negli uffici della Questura. Secondo l’accusa la donna già da tempo aveva interrotto la relazione matrimoniale con il marito per i suoi atteggiamenti violenti, spesso dovuti all’assunzione di sostanze stupefacenti e nel giugno scorso aveva presentato una denuncia nei confronti del suo ex proprio per tali insistenti comportamenti.

Dopo un apparente periodo di calma quale conseguenza del provvedimento di ammonimento disposto dal Questore di Taranto, il presunto stalker aveva ripreso con le minacce e con le aggressioni non solo nei confronti della ex moglie ma anche dell’attuale compagno della donna, un tarantino di 43 anni. Numerosi gli episodi violenti avvenuti negli ultimi tempi anche in un bar dove il compagno della donna abitualmente lavora. Non ultimo, nei primi giorni del mese di ottobre, una vera e propria aggressione alla coppia in una pizzeria della provincia jonica durante la quale l’ex marito geloso aveva sferrato un violento schiaffo al volto del quarantatreenne, minacciandolo anche con un coltello a serramanico. Raccolti tutti gli elementi di colpevolezza nei confronti dell’aggressore, che con i suoi atteggiamenti aveva creato un vero e proprio stato d’ansia nei confronti delle due vittime, i poliziotti lo hanno rintracciato presso la sua abitazione e gli hanno notificato la misura cautelare emessa dall’autorità giudiziaria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche