19 Gennaio 2022 - Ultimo aggiornamento il: 18 Gennaio 2022 alle 22:48:00

Attualità News

I denti del giudizio: sintomi e problematiche frequenti

foto di I denti del giudizio
I denti del giudizio

Salve a tutti Voi. Il tema che oggi tratteremo è un argomento del quale tutti abbiamo sentito parlare o, ne abbiamo sofferto: il dente del giudizio. Durante la nostra vita il corpo cambia e questi cambiamenti sono dovuti alla crescita e allo sviluppo. Tutti noi sappiamo che abbiamo due tipi di dentizioni: quella da latte o decidua e l’altra permanente. Intorno ai 12 anni la permuta dei denti da latte termina, ed alla fine, dopo qualche anno arrivano i terzi molari, quelli che chiamiamo comunemente denti del giudizio. I denti del giudizio sono quattro ed erompono intorno ai 18 anni (per questo giudizio o maggiore età) e si trovano ciascuno agli estremi delle arcate dentarie. Molto spesso, presentano delle caratteristiche morfologiche particolari, una volta estratti se osservati, possono presentare un’unica radice o addirittura quattro.

Hanno la caratteristica che, anche se presenti in cavo orale, possono facilmente cariarsi o comunque avere una sensibilità maggiore rispetto agli altri. Alcuni, ritengono che gli stessi sono un retaggio del passato o meglio di quando l’uomo aveva un’alimentazione più semplice e gli alimenti erano meno cotti e più duri, pertanto questi quattro elementi aiutavano notevolmente nella masticazione la formazione del bolo alimentare. Ci sono casi, anche se rari, dove è possibile ritrovare persino i noni, cioè denti posteriori a quelli del giudizio. Oggi molti ragazzi presentano agenesie degli ottavi, cioè non sono presenti neanche in mascella e mandibola, si ritiene che questa situazione fa parte di una fase evolutiva dell’uomo che segna il passo della definitiva perdita evolutiva della formazione degli stessi cioè, in parole povere tra poco l’uomo non gli avrà più.

I denti del giudizio possono presentarsi nel cavo orale completamente presenti (tecnicamente si dice erotti) oppure parzialmente, mostrando soltanto una piccola parte o addirittura assenti, ma presenti in mascella o mandibola. Se non perfettamente erotti possono dare problemi di carie in quanto difficilmente spazzolabili e formare intorno allo stesso tasche gengivali dove il cibo si accumula e genera il famoso dolore. Ci sono casi in cui gli stessi per la loro posizione possono trovarsi con la radice in continuità del nervo alveolare ed in tal caso si ritiene statisticamente che possono dare maggiore sensibilità. In ortodonzia sempre più spesso si rende necessario l’avulsione, cioè l’estrazione del dente del giudizio, in quanto può generare sovraffollamento e impedire i movimenti necessari per la terapia stessa. Se cariato, e la carie è profonda, è consigliabile l’avulsione dello stesso in quanto, come già detto in precedenza, la sua matrice di idrossiapatite è più morbida comparata agli altri e pertanto facilmente deteriorabile. L’estrazione del dente del giudizio, non necessita di grandi attenzioni, a meno che non si trovi la radice dello stesso in vicinanza del nervo alveolare e pertanto noi dentisti siamo soliti prescrivere un moderno esame a bassa carica radiogena chiamato cone beam che ci dà informazioni esatte su forma, posizione e contiguità con strutture nervose adiacenti.

Dopo l’estrazione è necessario non esporsi al vento o alle fonti di calore, si consiglia ghiaccio in prossimità della zona interessata ed un’alimentazione fresca e morbida per almeno due giorni, niente fumo, alcool, cibi ricchi di semi e spazzolini elettrici. Mai toccare la ferita con le mani, evitare sport per almeno tre giorni dopo l’estrazione e assolutamente vietato masticare chewingum e caramelle gommose. Non dovete temere il dolore, in quanto moderne tecniche anestesiologiche permettono grazie a farmaci anestetici mirati, ad eliminare il dolore stesso rendendo, il post operatorio più confortevole e meno traumatico. Spero di essere stato chiaro sull’argomento, in caso di dubbi sono lieto di rispondere alle vostre domande. Buon weekend a tutti.

Dr. Alberto Cervo
Odontoiatra
www.studio dentistico cervo.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche