24 Gennaio 2022 - Ultimo aggiornamento il: 24 Gennaio 2022 alle 22:28:00

foto di Parcheggi, la rivoluzione delle strisce blu
Parcheggi, la rivoluzione delle strisce blu

Non si sono fatte attendere le proteste dopo l’annuncio di Kyma Mobilità riguardante le novità per i parcheggi a pagamento. Sarà introdotto un biglietto unico per parcheggiare e usare i mezzi pubblici, ma allo stesso tempo le strisce blu vengono estese e viene abolita la sosta gratuita pomeridiana. IL FLASH MOB Fratelli d’Italia ha annunciato un flash mob per sabato 4 dicembre, dalle 9.30 alle 13.30 in piazza Maria Immacolata per «protestare contro l’estensione delle strisce blu e degli orari di sosta a pagamento dei parcheggi».

Il partito propone il «ripristino delle fasce orarie di pagamento dalle 9 alle 13 e dalle 17 alle 20.30; la sospensione della nuova estensione delle zone meno centrali in cui è previsto il pagamento della sosta; la riduzione della tariffa oraria per chi parcheggia l’auto sulle strisce blu collocate in zone meno centrali, con incremento della frequenza dei bus di linea urbana; tariffe agevolate per il noleggio di monopattini e bici elettriche per chi parcheggia nelle zone periferiche e nelle aree Park&Ride; tariffe agevolate per tutti i lavoratori che sono costretti a recarsi nel centro cittadini per motivi di lavoro».

LA POLEMICA CORRE SU FB
Decine i commenti postati sulla pagina facebook di Taranto Buonasera. Per Marco: «L’intento è disincentivare l’utilizzo delle auto per indurre ad utilizzare i mezzi pubblici». Secondo Alessandra, invece «Si tratta di un modo per incentivare ancor più gli acquisti nei centri commerciali e sul web». Più diretta Cinzia, residente del Borgo: «L’eliminazione della pausa dal pa gamento dalle 13.30 alle 16 è una cavolata, non ho capito a chi serva (visto che i negozi sono chiusi) se non ad accanirsi sui residenti che tornano a casa un paio d’ore per mangiare un boccone prima di tornare a lavoro. Ma soprattutto su chi, come me, non ha alternative all’uso dell’auto. Io sono una sostenitrice delle strisce blu in centro ma lasciateci almeno un paio d’ore al pomeriggio!».

«SUBITO SOLUZIONI PER ALLEGGERIRE IL TRAFFICO NATALIZIO»
Da domenica 5 dicembre negozi aperti anche nel fine settimana per la lunga maratona di Natale. Inizia dunque un periodo particolarmente impegnativo per le attività del commercio del capoluogo tarantino, come da tradizione una lunga ‘no stop’ di quattro settimane che vedrà accrescere i flussi di traffico veicolare verso le aree urbane a maggior attrazione commerciale. «Una situazione – sottolineano dalla Confcommercio di Taranto – a fronte della quale occorre che l’amministrazione comunale si attivi al massimo per assicurare la migliore gestione dei servizi essenziali: la sicurezza ed il controllo del territorio, l’ igiene e cura degli spazi urbani, ma soprattutto le problematiche legate alla mobilità urbana. E’ necessario che le partecipare Amiu e Amat contribuiscano per garantire la qualità dei servizi mettendo in campo risorse e strumenti adeguati per affrontare l’emergenza Natale».

CONFCOMMERCIO CHIEDE UN INCONTRO CON IL COMMISSARIO CARDELLICCHIO
L’associazione dei commercianti auspica «che il commissario del Comune, Vincenzo Cardelicchio, decida di inserire tra i primissimi punti della agenda del governo cittadino, la problematica del traffico natalizio, considerato che non vi è più tempo per ulteriori temporeggiamenti. La scorsa settimana si è verificato un episodio increscioso: l’area di Caserma Mezzacapo, secondo quanto dichiarato in una nota stampa del Comune, doveva essere disponibile per la sosta delle autovetture, purtroppo però sabato e domenica, malgrado l’annuncio ufficiale, i cancelli della Mezzacapo erano inspiegabilmente chiusi. Ciò, ovviamente, ha contribuito a creare ulteriori ingorghi di traffico. A quanto è dato di sapere, sarebbe confermata la disponibilità dell’area da parte del Comando Marina Sud, a patto però che l’Amministrazione comunale assicuri il controllo e la gestione dell’area.

Occorre dunque fare presto, anche perchè sarebbe davvero un peccato se ci si lasciasse sfuggire l’opportunità di poter fruire di un’area di vaste dimensioni, preziosa per alleggerire il traffico veicolare delle prossime settimane». A fronte di queste ed altre problematiche, Confcommercio chiede un incontro con il Commissario per far il punto sulla situazione del commercio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche