27 Gennaio 2022 - Ultimo aggiornamento il: 27 Gennaio 2022 alle 13:57:00

foto di Go Dugong - ph Giulia Barcaro
Go Dugong - ph Giulia Barcaro

«Il confinamento in un appartamento di città, durante la pandemia da covid-19, ha contribuito a farmi scaturire un’esigenza di fisicità, imbracciando uno strumento o percuotendo oggetti vari che richiamassero in qualche modo i suoni tipici dell’ambiente rurale e bucolico». Lo ha precisato Go Dugong, moniker del tarantino Giulio Fonseca, che vive e lavora a Milano, a proposito del suo nuovo album “Meridies”. Go Dugong, produttore e compositore riconosciuto come una tra le figure chiave in Italia nel panorama contemporaneo dell’elettronica di ricerca, in questo lavoro muove i suoi passi partendo da un’indagine compiuta dall’artista nei confronti della musica tradizionale pugliese, un percorso di studio ispirato alla sua città natale, Taranto, e al fenomeno della tarantella. Danza e musica popolare magica del Sud Italia, la tarantella era legata al rituale di esorcizzazione di persone affette da isteria, principalmente donne, a causa di presunti morsi di tarantole, scorpioni, serpenti; la ricerca di Go Dugong prosegue in questa direzione, contribuendo a rielaborare, evolvere e contaminare le tradizioni musicali della sua terra d’origine, arrivando alla creazione di una soundtrack interpretata da un fantasioso e futuristico ensemble di lavoratori della terra.

In “Meridies” ritmiche pizzica si incrociano con organi, echi, vecchi sintetizzatori, chitarre lisergiche e oggetti di fortuna, come scatole di cartone e pentolame vario, usate come percussioni di contorno al tradizionale tamburello; il tutto immerso in un magma psichedelico, rimando al concetto di trance ed ipnosi a cui erano indotti i tarantolati per mezzo di riti e danze terapeutiche al fine della guarigione. «Anche in questo caso la musica ha acquisito il potere di guarire ed esorcizzare, proprio come succedeva con i tarantolati” – sottolinea Go Dugong – Nel disco trombe giocattolo rallentate e riverberate diventano muggiti, campanacci e pentolame rimandano al pascolo dei bovini». Gran parte degli arrangiamenti sono stati proprio registrati in ambiente domestico, tra marzo e maggio dello scorso anno; a differenza di molti lavori precedenti di Go Dugong, in questo caso diminuisce notevolmente l’uso di campionamenti, per lasciare spazio agli strumenti o agli oggetti usati come tali. In “Meridies” sono numerose le collaborazioni con altri artisti; la più presente è quella con Ricky Cardelli (Funk Rimini, Capofortuna), che ha arricchito il disco con parti di flauto traverso, chitarra, moog e organi. Tra le altre collaborazioni spicca quella con il musicista e tamburellista siciliano Alfio Antico in “Esorcismo”, con Mai Mai Mai in “Randagio” e quella con il trombettista romano Francesco Fratini, che arricchisce di sfumature jazz “La montagna sacra”.

Franco Gigante

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche