27 Gennaio 2022 - Ultimo aggiornamento il: 27 Gennaio 2022 alle 14:59:00

News Provincia di Taranto

Natale insieme a Massafra, oltre sessanta appuntamenti

foto di La gravina di San Marco vista dall’alto
La gravina di San Marco vista dall’alto

MASSAFRA – “Natale è Insieme”, è la programmazione natalizia che sino al 17 gennaio del prossimo anno allieterà e coinvolgerà dai più piccoli ai più grandi. Il sindaco Fabrizio Quarto e l’assessore alla Cultura, Domenico Lasigna, evidenziano che nella realizzazione dei vari appuntamenti, più di 60, sono stati coinvolti associazioni e organismi di promozione culturale, turistico e di spettacolo. Sono quelli che hanno risposto all’invito dell’Amministrazione a manifestare il loro interesse nel mettere in “scena” proposte da inserire nel cartellone natalizio, finalizzate alla promozione della cultura artistica, teatrale e musicale, offrendo momenti di incontro e condivisione verso temi di carattere solidale, culturale e religioso.Le varie iniziative saranno aperte al pubblico in modo libero per la promozione di una cultura “accessibile” e copriranno buona parte della Città, valorizzando importanti “spazi”, con particolare attenzione nel Centro Storico.

Si alterneranno concerti e mercatini, visite ai presepi e spettacoli teatrali, laboratori e letture di libri per bambini, ma anche letture in vernacolo, videomapping, spettacoli di danza, concerti e tanto altro ancora. Non mancheranno le attività sportive, l’iniziativa “Nati per Leggere”, le attività del Centro Polivalente Anziani e della ProLoco che organizzerà, come da tradizione, il Presepe Vivente ambientato nel suggestivo Villaggio Rupestre di Santa Marina nella Gravina San Marco. Gli eventi saranno organizzati nel rispetto della normativa anti contagio da Covid-19 e pertanto tutti sono invitati ad osservarla. Sindaco e assessore sottolineano che è un programma intenso e ricco che coinvolgerà piccoli, ragazzi, meno giovani e famiglie. Si terranno diversi laboratori per bambini, che useranno cartapesta per la realizzazione di “pupi” oltre all’utilizzo e la realizzazione di manufatti per avvicinare i più piccoli alle tradizioni artistiche locali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche