20 Gennaio 2022 - Ultimo aggiornamento il: 19 Gennaio 2022 alle 20:34:00

Cronaca News

«Prorogare l’esenzione per chi paga il suolo pubblico»

foto di Fabrizio Manzulli
Fabrizio Manzulli

«Procrastinare almeno fino al 31.03.2022 l’esenzione dal pagamento relativo agli spazi all’aperto già attivate per i pubblici esercizi». È quanto chiede Fabrizio Manzulli, presidente di Taranto Crea, in una lettera indirizzata al commissario prefettizio Vincenzo Cardellicchio. «Egregio commissario, durante il periodo di emergenza, le attività di ristorazione ed i pubblici esercizi hanno patito ingenti danni economici che in alcuni casi, visto il perdurare della situazione contingente, continuano a produrre risultati devastanti sullo stato di salute dell’imprenditoria locale tarantina – osserva Manzulli – L’allentamento delle misure di contenimento, infatti, solo in parte, è stato in grado di produrre i risultati benefici che ci si aspettava mitigando lo stato di difficoltà del tessuto economico e produttivo della nostra città.

Per questo motivo, viste le condizioni di eccezionalità, la proroga dello stato di emergenza deliberata dal Consiglio dei Ministri e la necessità di favorire il ritorno alla situazione pre-crisi, siamo qui a chiederle la possibilità di procrastinare almeno fino al 31.03.2022  l’esenzione dal pagamento relativo agli spazi all’aperto già attivate per i pubblici esercizi secondo le modalità di cui alle delibere di Giunta Comunale, la valutazione di eventuali nuove istanze di occupazione di suolo pubblico purché alle medesime condizioni di quanto stabilito dal Vigente Regolamento. Questo – evidenzia l’ex assessore allo Sviluppo economico – consentirebbe di dare respiro e nuova linfa alle nostre attività commerciali, lasciando alle autonome scelte degli operatori l’opportunità di installare anche ombrelloni e pedane ove vi fosse la necessità di garantire il superamento di barriere architettoniche e/o garantire sicurezza per la pubblica incolumità, nel rispetto delle vigenti disposizioni igienico/sanitarie».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche