20 Gennaio 2022 - Ultimo aggiornamento il: 19 Gennaio 2022 alle 20:34:00

Cronaca News

«Shopping in centro, risolvere grana parcheggi»

foto di Un parcometro
Un parcometro

«Quello che dovrebbe essere un momento positivo, quindi un’occasione interessante per lavo – rare in maniera più serena, per com – mercianti e pubblici esercizi si è tra – sformato in un periodo decisamente critico». Francesca Intermite, presidente di CasaImpresa Taranto, commenta così i giorni che precedono le festi – vità natalizie. «La vivacità tipica di questo mo – mento dell’anno viene pregiudicata in maniera importante dai grossi li – miti rappresentati dall’obbligatorietà di pagare il parcheggio durante tutto il giorno, non essendo più previste interruzioni nelle ore centrali della giornata – spiega Francesca Intermite – e non essendo affatto facile trovare spazi per lasciare il proprio mezzo. Va ricordato che, proprio in questi giorni, gli esercizi commerciali sono soliti osservare l’apertura ad orario continuato per facilitare gli acquisti natalizi e, sia il pagamento nelle ore del pranzo e la carenza di posti crea – no notevole danno all’attività impren – ditoriale.

A questo proposito, giova ricordare a chi parla di parcheggi in più, che si tratta di più parcheggi a pagamento, ma certamente non sono state create nuove aree parcheggio». «La questione – prosegue Intermi – te – diventa ancor più complicata soprattutto per chi si trattiene so – litamente nel centro cittadino per pranzare, magari nella pausa lavo – rativa, utilizzando i buoni pasto che sono mediamente di 7 euro. Chiaro che, il dover sostenere un costo per il parcheggio, che è sui 2/3 euro (tra il 30 ed il 50% del ticket), è sicura – mente un freno alla fermata a pranzo presso i pubblici esercizi. Allora cosa accade? Che invece di supportare chi con grande fatica ha tenuto la propria attività aperta, si rende il percorso ancora più difficoltoso, alimentando quel triste fenomeno, già purtroppo presente da tempo, della desertifica – zione commerciale». «Da qui l’esigenza di un intervento tempestivo da parte del commissario prefettizio affinché si dia un po’ di respiro a chi ha superato con corag – gio la delicatissima fase della pande – mia. Intanto – conclude la presidente di CasaImpresa – i commercianti ed i titolari dei pubblici esercizi invita – no gli avventori a visitare e a fare gli acquisti natalizi nei negozi di quartiere, sostenendo il commercio di vicinato e rinsaldando quel rapporto di fiducia che si può instaurare ed incrementare quotidianamente, pur nelle difficoltà che stanno emergen – do e di cui gli imprenditori sono ben consci».

1 Commento
  1. luigi schinaia 1 mese ago
    Reply

    Perfettamente d’accordo. Ma il problema è soprattutto a carenza di parcheggi che spingono i cittadini recarsi presso i centri commerciali dove i parcheggi si trovano e pure gratis. Sono stati e si continua a sacrificare i posti auto per la realizzazione delle piste ciclabili dove non si vede neanche l’ombra delle bici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche