27 Gennaio 2022 - Ultimo aggiornamento il: 27 Gennaio 2022 alle 15:57:00


Stefano Rossi

Si è tenuta ieri la Conferenza dei Servizi di Asl Taranto, organizzata in collaborazione con il Comitato Consultivo Misto. Prevista annualmente all’interno del sistema di tutela dei diritti dell’utenza, la Conferenza dei Servizi è, al pari delle Carta dei Servizi, strumento di conoscenza, di partecipazione e di controllo della qualità dei servizi erogati dalla Asl.

“Sono quattro le direttrici di discussione che abbiamo individuato – ha affermato il direttore generale Stefano Rossi – e si tratta di ospedale e università, poi i presidi territoriali, quindi la telemedicina e, infi-ne, il tema più vicino e comprensibile all’utenza, ovvero la facilità di accesso ai servizi. Per affrontare questi temi in maniera costruttiva, evitando l’autoreferenzialità, la presenza delle altre istituzioni e delle as-sociazioni del terzo settore è fondamentale”. Il Comitato Consultivo Misto ha pertanto organizzato l’odierna conferenza: “Questa è, a tutti gli effetti una conferenza programmatica, per la Asl ma anche per il terzo settore – ha chiosato il presidente del Comita-to Consultivo Misto Giuseppe Stasolla – Le associazioni del terzo settore, infatti, rappresentano un grande giacimento di energie che talvolta hanno registrato delle difficoltà, negli ultimi anni legate soprattutto alla pandemia, ma il confronto e la discussione sono certamente buone prassi.”

La Conferenza si è svolta in modalità mista (in presenza e in videoconferenza) in un’ottica di partecipazione condivisa di obiettivi, progetti e risultati ottenuti dalla ASL e per allargare il dialogo dai pochi parteci-panti in presenza a tutti coloro che sono portatori di interesse: utenti, amministratori, associazioni di volontariato, operatori. “Questa conferenza dei servizi è stata governata dai cittadini, grazie al Comitato consultivo misto – ha affermato Vito Gregorio Colacicco, direttore sanitario Asl Taranto, prossimo diretto-re generale – e qui abbiamo discusso proprio sulla questione di metodo: il futuro della sanità e il suo mi-glioramento passano attraverso l’ascolto delle istanze dei cittadini.” La conferenza dei servizi è stata concepita come una piazza virtuale, un luogo dove il cittadino arriva con la consapevolezza di costituire una risorsa necessaria per rinnovare l’organizzazione sanitaria e la Asl sce-glie un metodo: dare ascolto ai cittadini per migliorare la nostra sanità. E così nella mattinata, si è tenuto un interessante forum: rapidi e interessanti gli interventi dei responsabili delle diverse divisioni dell’azienda sanitaria, ma anche di ospiti e rappresentanti delle associazioni e delle categorie impegnate nella cura e nella prevenzione. I temi trattati sono stati l’assistenza ospedaliera oggi e domani con un focus sul-le strutture, sull’Ospedale San Cataldo e l’Università (ricerca, assistenza, didattica), la telemedicina, la rete territoriale di assistenza e prevenzione, la comunicazione e la presa in carico, con un focus sul centro di prenotazioni. Il racconto dell’organizzazione e delle attività svolte ha lasciato pian piano spazio alla prgettazione del futuro, con l’approccio pragmatico garantito dal confronto con chi quotidianamente gestisce attività di cura e prevenzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche