27 Gennaio 2022 - Ultimo aggiornamento il: 27 Gennaio 2022 alle 15:57:00

Cronaca News

Covid, aumentano i positivi. Ma accelera anche la campagna vaccinale

foto di Emergenza coronavirus
Emergenza coronavirus

Balzo dei contagi Covid in Puglia. Nelle ultime 24 ore in Puglia sono stati effettuati 33.337 test per l’infezione da coronavirus e sono stati registrati 952 casi positivi, così suddivisi: 375 in provincia di Bari, 48 nella provincia Bat, 153 in provincia di Brindisi, 151 in provincia di Foggia, 124 provincia di Lecce, 79 in provincia di Taranto, 16 casi di residenti fuori regione, 6 caso di provincia in definizione. Non sono stati registrati decessi. I casi attualmente positivi sono 8.189; 171 sono le persone ricoverate in area non critica, 24 sono in terapia intensiva. Dall’inizio dell’emergenza sono stati effettuati 5.277.072 test; 289.194 sono i casi positivi; 274.060 sono i pazienti guariti; 6.945 sono le persone decedute. I casi positivi sono così suddivisi: 103.832 nella provincia di Bari; 29.411 nella provincia BAT; 23.592 nella provincia di Brindisi; 51.875 nella provincia di Foggia; 34.883 nella provincia di Lecce; 43.930 nella provincia di Taranto; 1.126 attribuiti a residenti fuori regione; 545 di provincia in definizione.

A livello nazionale, sono 36.293 i nuovi contagi in Italia secondo il bollettino della Protezione Civile e del ministero della Salute del 22 dicembre. Si registrano, inoltre, altri 146 morti. Nelle ultime 24 ore sono stati processati 779.303 tamponi con un tasso positività al 4,7%. Ad oggi il 33% dei pugliesi ha ricevuto la III dose di vaccino anticovid (+3.6 rispetto alla media nazionale). Il ciclo primario (2 dosi) ha raggiunto l’82% dei pugliesi (+2.1%). La copertura per la fascia 5-11 anni è del 4.1%, (+1.2 rispetto alla media nazionale). La campagna vaccinale in Asl Taranto, nella giornata di martedì, ha registrato un totale di 6.518 dosi di vaccino anti-covid somministrate negli hub e nelle strutture sanitarie. In particolare, 299 prime dosi per over 12 e 127 prime dosi pediatriche, 743 seconde dosi e 5.349 richiami. Il dato degli hub vaccinali riporta 397 dosi somministrate presso la Svam e 998 dosi presso l’Arsenale a Taranto, 944 dosi a Ginosa, 936 dosi a Manduria. I medici di medicina generale hanno somministrato 2.277 dosi totali, 213 dosi sono state somministrate a domicilio. Nei presidi ospedalieri e in altre strutture sono state registrate 87 dosi totali, 525 dosi nelle farmacie.

Per quanto riguarda le conseguenze sull’economia dell’emergenza sanitaria, approvate ieri in Giunta regionale le linee di indirizzo per la rimodulazione dei fondi e la riapertura dell’Avviso “Custodiamo le imprese”. Attraverso una rimodulazione delle economie rinvenute sulla dotazione complessiva del suddetto Avviso – scaduto lo scorso 9 dicembre e con il quale sono state ammesse ad istruttoria 934 istanze – saranno accolte le istanze residue pervenute in relazione agli avvisi: “Custodiamo il Turismo 2.0”, “Custodiamo la Cultura 2.0” e “Misura straordinaria di intervento per la promozione e il sostegno pubblico al pluralismo e all’innovazione dell’informazione e della comunicazione regionale”. Non solo, con una dotazione di oltre 16milioni di euro l’avviso “Custodiamo le Imprese” – destinato alle imprese micro, piccole e medie del territorio, costrette alla chiusura per decreto nel corso del 2021 con una sovvenzione diretta che compensi i minori ricavi conseguiti durante la pandemia – sarà riaperto con un ampliamento della platea dei beneficiari a quelle imprese del settore bar/ristoranti che abbiano subito perdite da limitazioni all’esercizio dell’attività, avvenuta nella sola modalità dell’asporto.

“L’emergenza Covid – ha dichiarato il Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano – si è abbattuta anche sul nostro sistema di imprese colpendo, in particolare, le filiere del turismo, della ristorazione e tutto il comparto della cultura e del tempo libero (attività artistiche, sportive e di intrattenimento) e il commercio al dettaglio. La Regione, attraverso questi strumenti, continua a rispondere in modo concreto e immediato, con l’obiettivo di permettere al tessuto produttivo della Puglia di ripartire e ricollocarsi su quel trend di crescita che ha caratterizzato i cinque anni precedenti la crisi pandemica”.

“L’emergenza sanitaria – dichiara l’assessore allo Sviluppo economico, Alessandro Delli Noci – ha provocato la chiusura o la limitazione delle attività di tante imprese che oggi pagano lo scotto di quei mesi bui e faticosi. Per questa ragione, attraverso questa azione, sosteniamo concretamente gli operatori dell’editoria, le imprese culturali, turistiche, creative e dello spettacolo, il settore della ristorazioni, i bar, tutte quelle imprese che sono riuscite a rimanere in piedi nonostante tutto ma che oggi hanno bisogno di fronteggiare la carenza di liquidità dovuta alla chiusura prolungata e di ripartire”. “Attenuare gli effetti drammatici della crisi provocata dalla pandemia – dichiara l’assessore al Bilancio, Raffaele Piemontese – irrobustendo le basi per una positiva ripresa: questo resta il nostro obiettivo che ci ha orientato e ci orienta nel disporre tutte le risorse che ci è possibile mobilitare a sostegno di tutti i comparti dell’economia pugliese”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche