24 Gennaio 2022 - Ultimo aggiornamento il: 24 Gennaio 2022 alle 22:28:00

News Politica

Elezioni provinciali, Terra Jonica 2050: si sposano Pd e M5S

foto di La coalizione Terra Jonica 2050
La coalizione Terra Jonica 2050

Il sì è arrivato, il matrimonio è celebrato. Pd e M5S saranno insieme alle elezioni per il nuovo consiglio provinciale ed è un accordo che promette di essere replicato alle elezioni comunali di Taranto «Una coalizione ricca e coerente, costruita attorno all’accordo tra Partito Democratico e Movimento Cinque Stelle, che tiene dentro Articolo Uno, Con Emiliano, Italia Viva ed il civismo democratico». Così Nicola Oddati, commissario provinciale del Pd, in occasione della presentazione, lunedì mattina, della lista “”Terra Jonica 2050”.

«Dodici candidati – ha detto Oddati – che sintetizzano un’idea di governo che riteniamo vincente e che, riproducendo un’alleanza sana e proficua tra noi ed il M5S, qui rappresentato dal Vicepresidente Mario Turco, anticipa il costituendo accordo che con ogni probabilità sarà siglato per le amministrative di Taranto». Rammaricato conclude poi Oddati: «Spiace considerare che, in questa circostanza, e quindi nel prossimo Consiglio provinciale, sarà assente la città capoluogo, a causa degli ultimi accadimenti che hanno determinato lo scioglimento del Consiglio comunale e quindi la fine dell’amministrazione Melucci. Ma noi procediamo comunque, facendo un augurio particolare ai candidati del Partito Democratico: Anna Filippetti, Consigliere comunale di Laterza e Franco Andrioli, Sindaco di Statte». Infine Oddati ha rivolto un ringraziamento particolare a Mattia Giorno e Giovanni Barbalinardo, che per conto del coordinamento provinciale del Pd, hanno seguito «con bravura e pazienza la lunga tessitura dell’accordo e la formazione della lista».

Commenti molto positivi arrivano anche dalla sponda pentastellata: «Abbiamo dato vita a un metodo di lavoro nuovo che riproporremo alle amministrative con tutte quelle firme politiche che si ispirano ai nostri valori». Per il Movimento 5 Stelle sono intervenuti alla conferenza di presentazione il deputato e facilitatore regionale Leonardo Donno e, come detto, il senatore e vicepresidente del M5s Mario Turco. Hanno partecipato anche il deputato Gianpaolo Cassese e il consigliere regionale Marco Galante. «Il M5S – ha spiegato Leonardo Donno – partecipa per la prima volta alle elezioni provinciali, raccogliendo la richiesta arrivata dagli attivisti nel corso degli Stati Generali e da tanti amministratori del Movimento 5 Stelle che il Presidente Conte, inaugurando il nuovo corso del M5S, ha voluto appunto accogliere. Abbiamo invitato tutte le forze politiche e le realtà civiche ad un confronto serio sui contenuti e sulle cose da fare per la Provincia. Siamo stati i promotori principali del Tavolo e abbiamo proposto un metodo di lavoro nuovo. Abbiamo coinvolto sindaci e consiglieri comunali e siamo arrivati alla sintesi in cui ci sono due candidati del MoVimento 5 Stelle, il sindaco di Ginosa Vito Parisi e la consigliera comunale di Massafra Gaia Silvestri.

Questo ‘Modello Taranto’ ha funzionato per le provinciali e, in vista delle amministrative, lo riproporremo a livello regionale a tutte quelle forze progressiste, riformatrici che intendono confrontarsi con noi sui nostri tre aspetti metodologici fondamentali, ovvero: migliorare la classe dirigente che amministra le nostre città; il rispetto del nostro codice etico perchè come più volte ribadito dal presidente Conte l’etica pubblica è per noi un valore fondante e un secco no alle coalizioni pollaio che non garantiscono stabilità e credibilità alle amministrazioni. Ci deve essere un campo chiaro in cui operare e un gruppo forte che lavora per obiettivi comuni. Serve avere governi cittadini forti per amministrare le risorse del PNRR che stanno arrivando grazie al grande lavoro del Governo Conte 2” «Siamo in un momento di svolta della politica. – ha dichiarato il senatore Mario Turco – Abbiamo creato un nuovo progetto politico in pochissimo tempo, condividendo contenuti e prospettive e volendo andare a modificare determinati paradigmi del passato. Questo è il risultato importante della lista ‘Terra Jonica 2050’. Oggi scriviamo una nuova pagina ed è chiaro che sarebbe importante scriverne un’altra a livello legislativo, per questo lavoreremo in Parlamento per recuperare la funzione delle Province.

Il grande rammarico di oggi è l’assenza del Comune di Taranto, che si cercherà poi di riequilibrare. Per la creazione di questa lista siamo partiti dal confronto sui temi e gli obiettivi da raggiungere, così come faremo per le prossime amministrative a Taranto. Le amministrazioni territoriali hanno necessità di classi dirigenti che sappiamo cogliere le opportunità e vincere la sfida a cui sono chiamate nei prossimi anni: intercettare gli 87 miliardi che il PNRR prevede per loro. Le scelte che saranno fatte sia per la Provincia di Taranto che per le prossime amministrative devono andare in questa direzione. Come M5S abbiamo fissato punti importanti per il metodo di lavoro: dialogheremo con quelle forze che hanno dato vita al Governo Conte 2 per costruire alleanze di qualità e non alleanze ‘pollaio’ che danno vita a una serie di problematiche, che finiscono per trasformarsi in ‘ricatti’ continui e nell’ ingovernabilità. Abbiamo la nostra carta dei valori e il codice etico che vorremmo fosse condiviso da tutte quelle forze politiche che vogliono creare alleanze con noi. Siamo aperti al dialogo ma non rinunciamo alla nostra identità, all’etica pubblica e al buon governo per i cittadini, così come alla tutela del bene comune».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche