27 Gennaio 2022 - Ultimo aggiornamento il: 27 Gennaio 2022 alle 14:59:00

foto di Una vecchia foto del Natale a Taranto
Una vecchia foto del Natale a Taranto

Ecco una piccola rassegna di proverbi e modi di dire ispirati al Natale, fra senso religioso e voglia di far festa per dimenticare gli affanni quotidiani. Ma sempre con il timore, dopo l’Epifania, di ritrovarsi senza un euro e costretti perciò a ricorrere ai soldi in prestito.

Tutte le feste dìghiene venè, da fore Pasca Bufanìe
Tutte le feste possano venire, al di fuori dell’Epifania… che tutte le feste porta via.

De Sanda Caterìne, ‘a nève sobbr’a le spine
Un proverbio legato alla festa di Santa Caterina (25 novembre), durante la quale è probabile trovare le piante ricoperte dalla prima neve.

Come Catarinèje, accussì Barbarèje; e come Barbarèje, accussì Natalèje
Come il giorno di Santa Caterina così quello di Santa Barbara. E come Santa Barbara così sarà Natale. Secondo questo proverbio le condizioni meteorologiche del giorno di Santa Caterina d’Alessandria si ripeterebbero nella ricorrenza di Santa Barbara (4 dicembre) e anche a Natale.

De Sand’Andréie le parìte arrefreddèije
Di Sant’Andrea, le pareti si raffreddano. Dalla ricorrenza di Sant’Andrea (30 novembre) iniziano a farsi sentire i rigori invernali

Ci chiove de Santa Bibbiàne, chiove ‘nu mese e ‘na sumane
Un altro proverbio dedicato alla meteorologia per il giorno di Santa Bibiana (2 dicembre).

Ci nno fàce ‘u disciùne d’a ‘Mmaculàte o jè turche o jè cane
Il digiuno della vigilia dell’Immacolata era un tempo di stretta osservanza, tale da far ritenere una persona di poco conto chi non lo praticava.

Sanda Lucije, ammanc’a notte e accrèsce a dije
Santa Lucia, diminuisce la notte e accresce il giorno. Dalla festa di Santa Lucia (13 dicembre) le ore di luce cominciano ad aumentare.

De Sanda Lucie, ‘nu passe de iaddine
Da Santa Lucia, un passo di gallina. Ancora un proverbio per indicare l’allungarsi impercettibile delle giornate.

Mo’ avène Natale e no tènghe denàre…
Adesso viene Natale e non tengo denari…Natale si avvicina, le spese per regali e cenoni incombono. Si spenderà tanto, ma il portafogli potrebbe rimanere a secco anzitempo.

me pigghije ‘na pippe e me mett’a fumà
perciò prenderò una pipa (o una sigaretta o un Toscanello se si preferisce) per una bella fumata e ogni malumore passerà. E per chi non fuma?

Ce vuè cu face le fijeste cundende, quidde ca vide vide e quidde ca siènde siènde
Se vuoi fare le feste contento, quello che vedi, vedi e quello che senti, senti…E non fare commenti. Nei cenoni, cioè, cerca di evitare liti disastrose.

Abbasce ‘a marine/ à nnate ‘u Bammine/jè ricche a denare/e no jè marenare
Giù alla Marina è nato il Bambino, è ricco a denari e non è marinaio. Versetti ingenui che inneggiano al Bambinello, portato in processione a Taranto vecchia la mattina di Natale.

Natal’assùtte e Pasca vagnate
Se Natale è asciutto Pasqua sarà piovosa

Da Natale ‘nnande, trèmene le ‘nfande
Dopo il giorno di Natale, il freddo sé così intenso da far tremare i bambini.

Ste face ‘a visite de Sanda Lesabette
Dicesi di una visita che si prolunga oltre il dovuto, come fece la Madonna che stette a lungo dalla cugina Elisabetta, accudendola nella sua avanzata gravidanza.

Sanda notte, Sanda die, Sanda Pasca Bufanìe, famme vedè ‘a sorta mie.
Santa Notte, Santa Giornata, Santa Epifania, fammi conoscere la mia sorte. Secondo il popolino, nelle notti di Natale ed Epifania sarebbe possibile conoscere il proprio destino.

Ninna! Nanna! Nonna!/ Ha parturite ‘a Madonna/ e ha fatte nu’ belle Bammine/ viànghe e russe damaschìne
Prima strofa di una dolce popolare ninna nanna al tempo delle nostre bisnonne in onore della Madonna che ha partorito il Bambinello dalla pelle candida e dalle gote di un bel rosso damascato.

De Pasche e de Natale so’ ricche le furnare…
Quello delle feste natalizie è il periodo in cui si spende e si spande.

…ma passate ca so’ le feste vonne acchianne le turniste ‘npriste”. …
Ma trascorse le festività, a causa delle spese pazze ci si ritrova spesso a ricorrere ai prestiti.

Cu ‘a fatìe d’a feste, ‘u Diavule se veste
Con il lavoro della festa, il Diavolo si veste. Evitiamo il lavoro nel giorno della festa, affinchè il Diavolo non ci sottragga alla preghiera e agli affetti familiari.

E’ robbe ca dure da Natale a Ssande Stèfane
E’ roba che dura da Natale a Santo Stefano. Dicesi di una situazione destinata ad avere breve durata, come le ventiquattro ore che separano Natale dalla ricorrenza di Santo Stefano.

De San Silvestre, no’ se file e no’ se tesse
Di San Silvestro non si fila e non si tesse. Il 31 dicembre, San Silvestro, non si lavora ma si riflette sull’anno che sta finendo per prepararsi ad affrontare i prossimi 365 giorni.

Azzett’a’ Madonna, amme viste n’otr’anne.
Così si esclama negli auguri, ringraziando la Madonna per aver trascorso un altro anno.

Angelo Diofano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche