19 Gennaio 2022 - Ultimo aggiornamento il: 18 Gennaio 2022 alle 22:48:00

Cronaca News

Dal campo di battaglia al primo neonato. Il racconto dell’arrivo del 2022 in un video

Foto di Gli interventi della Polizia a Capodanno -Foto Francesco Manfuso
Gli interventi della Polizia a Capodanno -Foto Francesco Manfuso

Un vero e proprio campo di battaglia si è presentato agli occhi di chi ha attraversato la notte tarantina dopo i botti di Capodanno.  Ovunque cassonetti fumanti, tracce di esplosioni nel bel mezzo delle strade con le auto costrette a fare lo slalom fra i detriti. La corsa sfrenata delle ambulanze e dei mezzi dei Vigili del fuoco. Insomma, tutto secondo copione. Con i commercianti tarantini che già dal primo pomeriggio hanno provato a correre ai ripari per mettere in sicurezza le vetrine e le insegne dalla minaccia delle esplosioni.

Il bilancio è, come sempre, pesante: 4 persone ferite. Uno trasferito a Bari al policlinico (ne parliamo in altro articolo, ndr), dei 3 uno si è autodimesso, uno è ricoverato in ortopedia ed uno inviato a Brindisi per una consulenza medica.

C’è anche il primo vagito del 2022: un bimbo è nato alle 00:11 all’ospedale SS. Annunziata. Si chiama Giuseppe Cosmai e pesava 3 chili e 320 grammi. La mamma Maria Sagliocca ha 23 anni ed è casalinga. Il papà Alessandro ha 25 anni ed è operaio. L’ostetrica che ha assistito al parto è Elisabetta Urso, il medico ginecologo Annarita Cuccovillo e il neonatologo Livio Antonazzo.

C’è tutto questo, ma soprattutto, la voglia di lasciar alle spalle questo biennio tragico segnato dalla pandemia, nelle esplosioni di gioia della mezzanotte tarantina raccontate dal video di Francesco Manfuso. In un passaggio si sente l’urlo dei tarantini: “Ce lafaremooo”. Un urlo che mette i brividi. Ne siamo certi. Taranto ce la farà. Buon 2022 da Taranto Buonasera.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche