19 Gennaio 2022 - Ultimo aggiornamento il: 18 Gennaio 2022 alle 22:48:00

Cronaca News

«Lo stabilimento Leonardo di Grottaglie si può rilanciare»

foto di Lo stabilimento Leonardo di Grottaglie
Lo stabilimento Leonardo di Grottaglie

Si è parlato anche della vertenza Leonardo all’undicesimo congresso della Fim Cisl Puglia, a Bari. Per il segretario nazionale Roberto Benaglia «siamo arrivati ad un punto decisivo, non possiamo lasciare i lavoratori nell’incertezza, così come la crisi non può poggiare sulle loro spalle». Ci sono margini per arrivare ad un accordo nel prossimo incontro, fissato per la giornata di lunedì? Per la Fim i segnali sono positivi, ma Benaglia puntualizza che «gli accordi indistriali vanno cercati per garantire investimenti, futuro industriale su Grottaglie, garanzie per i lavoratori», per le quali resta fondamentale «superare la monocommittenza». «Il vuoto lavoro che c’è oggi è solo congiunturale, la vertenza Leonardo può e deve distinguersi dalle altre crisi aziendali» rimarca Benaglia.

«Continuiamo il confronto con responsabilità: con impegni reciproci e prospettive certe si può rilanciare il sito» sottolinea il segretario generale della Fim Cisl Taranto Brindisi, Michele Tamburrano. «Dopo la pausa natalizia abbiamo ripreso a ritmo serrato gli incontri con la Direzione di Leonardo e le Segreterie Nazionali con l’auspicio di trovare un’intesa per il rilancio della divisione Aerostrutture e del sito grottagliese in particolare. Nell’ultimo incontro in plenaria, tenutosi nella giornata di lunedì 10 gennaio, ci sono state illustrate in maniera capillare la mission produttiva dei vari siti, i carichi di lavoro e gli investimenti previsti». «Siamo certi che la crisi del settore sia congiunturale e non strutturale e, come tale, va affrontata» sottolinea Tamburrano.

«Come Fim dall’inizio della vertenza abbiamo sostenuto i due elementi fondamentali per condividere un percorso comune: impegni formali da parte dell’azienda con prospettive certe, tese al superamento della monocommittenza; eventuale utilizzo degli ammortizzatori sociali al limite dell’indispensabile con tutela economica delle retribuzione dei lavoratori e con un integrazione a carico aziendale. Siamo convinti che nel prossimo incontro che si terrà nella giornata di lunedì 17 gennaio, attraverso un confronto fondato sulla responsabilità, e soprattutto con impegni vincolanti, si possa raggiungere un accordo che possa ridare ai lavoratori di Grottaglie e alle loro famiglie la tranquillità necessaria. Sarà, infine, necessario istituire sin da subito un tavolo di monitoraggio che preveda incontri di verifica per analizzare la fattiva realizzazione degli impegni presi dall’azienda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche