22 Gennaio 2022 - Ultimo aggiornamento il: 22 Gennaio 2022 alle 09:50:00

Attualità News

Al via i “Laboratori digitali” promossi da Europa Solidale

foto di Al via i “Laboratori digitali” promossi da Europa Solidale
Al via i “Laboratori digitali” promossi da Europa Solidale

Prenderanno il via lunedì, 17 gennaio, i “Laboratori digitali” che coinvolgeranno gli alunni dai 14 ai 17 anni che frequentano le terze, quarte e quinte classi dell’I.P.S. “Cabrini” di Taranto. Si tratta di un percorso di formazione teorico e pratico che mira a costruire una didattica basata su problemi reali, promuovendo attività con un forte riferimento alla creatività e alla progettualità innovativa. Attività che sfruttino le tecnologie digitali per sviluppare, nei minori, anche relazioni significative con i pari e con adulti di riferimento. Il FabLab si svolgerà negli orari pomeridiani in due spazi diversi a seconda delle attività programmate: nell’aula di Informatica dell’istituto “Cabrini” e nella sede dell’associazione Europa Solidale, in via Cavallotti 103.

«I Laboratori Digitali sono organizzati come corsi formativi interattivi in cui i giovani studenti saranno coinvolti in prima persona, alternando lezioni tradizionali con attività pratiche, workshop e sessioni hands-on. Le lezioni frontali affronteranno temi quali progettazione e stampa 3D, disegno tecnico e disegno artistico 3D, making, robotica attraverso l’utilizzo di arduino e raspberry, principi di coding, programmazione app in ambiente Android/iOS – spiega Maria Giovanna Russo, responsabile dell’Orientamento allo studio per il progetto “Rob. in” – Inoltre, al termine delle sessioni tecniche, saranno realizzati dei seminari rapidi in cui saranno forniti ai ragazzi elementi di business, startup, business planning, fundraising». L’azione prevede un numero complessivo di dieci “Laboratori digitali” da 24 ore ciascuno, da svilupparsi dal mese di gennaio 2022 al mese di giugno 2023, con l’intento di coinvolgere un massimo di 120 ragazzi e ragazze dell’istituto. Studi e statistiche prospettiche, del resto, indicano una crescita costante del fabbisogno di mansioni tecnici e programmatori negli anni a venire sul mercato del lavoro europeo. L’intervento di “Rob.in”, quindi, si propone di promuovere lo spirito di iniziativa di giovani studenti, proiettati verso la curiosità e l’interesse per l’apprendimento, migliorando i processi di motivazione a beneficio del recupero, rafforzamento e arricchimento delle competenze di base linguistiche, logico-matematiche e scientifiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche