x

19 Maggio 2022 - Ultimo aggiornamento il: 19 Maggio 2022 alle 13:58:00

foto di Giovanni Gugliotti
Giovanni Gugliotti

L’orientamento sembra chiaro: i partiti del centrodestra insieme al Patto per Taranto e ad AT6 viaggeranno compatti nell’indicare il candidato sindaco che sfiderà Rinaldo Melucci. Mercoledì sera, alla Provincia, si è tenuto un incontro al quale hanno preso parte i vertici di tutti i partiti e delle associazioni vicine alla coalizione che si sta formando. Erano presenti: Vito De Palma e Massimiliano Di Cuia per Forza Italia, Luigi Laterza per la Lega, Dario Iaia e Pietro Pastore per Fratelli d’Italia, Angelo Micoli e Francesco D’Eri per AT6, su indicazione di Mario Cito.

A rappresentare il Patto erano Walter Musillo e Massimiliano Stellato. Al tavolo, oltre a diversi consiglieri comunali uscenti o con un passato in consiglio, c’erano anche Ugo Lomartire, presidente dell’associazione Grande Taranto, e Franco Boccuni, del Movimento Cristiano Lavoratori. Vi ha partecipato (ne parliamo in questa stessa pagina) anche l’ex consigliere e assessore regionale Gianni Liviano. Cosa è emerso dall’incontro? Diciamo che è stata espressa, in modo inequivocabile, la volontà di presentarsi compatti alla competizione elettorale per eleggere il nuovo sindaco. Con un unico candidato, quindi. Non escludendo a priori – ma al momento l’ipotesi appare lontana – il ricorso alle primarie nel caso dovesse esserci più di un papabile. L’impegno è a rivedersi periodicamente in modo da indicare entro qualche settimana, presumibilmente entro febbraio, il nome del candidato sindaco di questa ampia aggregazione. Il tentativo è quello di individuare un nome di sintesi gradito a tutti. Il nome più ricorrente resta quello del presidente della Provincia, Giovanni Gugliotti.

Ma all’interno del Patto ambizioni potrebbe nutrirle Massimiliano Stellato, uno dei principali artefici dell’azione che ha portato alla caduta dell’amministrazione Melucci. Non mancano tuttavia altre personalità, da tempo entrate nel novero dei possibili candidati, figure espressione della società civile, estranee ai partiti, come l’avvocato Francesco Tacente. Si muove anche l’avvocato Egidio Albanese, attuale presidente del Ctp, che ha annunciato la presentazione di una nuova associazione politicoculturale: “La Voce di Taranto”, presieduta dallo stesso Albanese. Si tratta, spiega l’avvocato, di «un laboratorio di idee con la finalità di far partecipare attivamente i cittadini di Taranto alla vita culturale, sociale e politica della propria città». «L’esigenza della nascita di un progetto aperto, plurale e orizzontale – afferma Albanese – si avverte da molto tempo. Vogliamo creare a Taranto un’esperienza civica che porti avanti le istanze dei cittadini e funga da collante tra le diverse anime del territorio per costruire, insieme, un nuovo modello di città». La presentazione si terrà al Nautilus mercoledì 29 gennaio alle 11.

Enzo Ferrari
Direttore Responsabile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche