x

19 Maggio 2022 - Ultimo aggiornamento il: 19 Maggio 2022 alle 12:56:00

Cronaca News

La protesta dei pescatori tarantini contro il caro carburante

foto di La protesta dei pescatori tarantini contro il caro carburante
La protesta dei pescatori tarantini contro il caro carburante

Caro gasolio, prosegue la protesta della marineria tarantina. Ieri mattina i pescatori hanno sostato nella rada di Mar Grande adiacente Palazzo del Governo e Palazzo di Città, prima di recarsi nei pressi del pontile Eni. «La situazione è divenuta insostenibile – ha dichiarato Cosimo Bisignano (Lega Coop Puglia) – Oggi vogliamo sensibilizzare le Istituzioni locali ma anche la raffineria che si trova sul nostro territorio. Sarebbe giusto, da parte loro, concedere uno sconto anche simbolico ai pescatori tarantini impegnati quotidianamente in mare, una risorsa indispensabile per l’attività della raffineria ma anche e soprattutto per la nostra». Per Emilio Palumbo (Agci Pesca Taranto) «questa situazione non ci permette di lavorare. Stiamo cercando di attirare l’attenzione delle Istituzioni e dell’Eni. Vogliamo comprendere come sia possibile che, pur avendo la più grande raffineria d’Italia, paghiamo il prezzo del carburante più caro di altre marinerie distanti centinaia di chilometri da noi. Alle istituzioni, invece – conclude Palumbo – chiediamo di essere maggiormente tutelati».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche