x

19 Maggio 2022 - Ultimo aggiornamento il: 19 Maggio 2022 alle 09:54:00

Cultura News Spettacoli

Iva Zanicchi, 60 anni di carriera e un nuovo disco

foto di Iva Zanicchi
Iva Zanicchi

«Voglio celebrare i miei sessanta anni di carriera, chiudendo idealmente un cerchio, tornando laddove è cominciato tutto e dove affondano le mie radici». È la riflessione di Iva Zanicchi alla vigilia della pubblicazione di “Gargana”, il suo nuovo disco disponibile su tutte le piattaforme. «Ho sempre avuto una voce particolare e cantavo ovunque- ha rivelato Iva – “Che gargana che ha quella bambina lì”, mi dicevano. Nel dialetto di Ligonchio, gargana è una voce forte, squillante ed è così che venivo chiamata». L’Aquila di Ligonchio è dunque tornata con quel graffio blues inconfondibile della sua voce, ad abbracciare idealmente il suo affezionato pubblico con il nuovo disco “Gargana” che è appunto un termine del dialetto di Ligonchio, che significa ‘voce’, l’appellativo che la accompagna da sempre; oggi quella bambina dalla voce straordinaria è ancora in lei, rendendone immutato lo sguardo. «Quando ero bambina seguivo il festival alla radio nell’osteria del paese – ha ricordato la cantante – Fra me e me dicevo che un giorno sarò anch’io su quel palco». E così è stato. Con questo disco l’Aquila di Ligonchio ha scelto di festeggiare sessant’anni di carriera tornando in gara al recente festival di Sanremo, mettendosi in gioco con ‘verve’ ed eleganza, a colpi di “papalina”, dimostrando ancora una volta la sua capacità comunicativa e interpretativa con “Per amarti”.

«É una canzone d’amore scritta trent’anni fa, poi dimenticata o forse per un gioco del destino, messa da parte, in attesa che arrivasse il suo momento – ha precisato la cantante – Io me ne sono innamorata e, grazie all’arrangiamento di Celso Valli, l’ho sentita mia: ho avuto una vita piena d’amore e cantarlo è sempre bello; mi piace pensare che possa essere un bel messaggio, una dedica al proprio amore o a quello ancora sognato». La Zanicchi è l’unica donna ad aver vinto tre volte il festival di Sanremo, nel 1967 con “Non pensare a me”, nel 1969 con “Zingara” e nel 1974 con “Ciao cara come stai”; quest’anno ha avuto dal pubblico dell’Ariston il riconoscimento più bello che un’artista possa desiderare: la standing ovation e quell’applauso che è sembrato non finire, dalla prima all’ultima esibizione, una meravigliosa istantanea, un ricordo prezioso da incorniciare; lì, ci sono racchiusi tutta la gratitudine e l’amore che questa donna straordinaria ha saputo regalare alla nostra musica. «Come il vino migliore, anche le canzoni hanno profumo e il momento giusto per essere gustate – ha confessato – “Voglio amarti” è una canzone che non svela la sua età ma che con cura ed eleganza sceglie le parole per un testo, che sembra poesia: racconta dell’amore, quello che ci cambia la vita, quello che ci fa sentire vivi, un sentimento che non conosce limiti di età, che ci rende fragili e forti al tempo stesso».

Iva è tornata a Sanremo con una canzone ‘preziosa’, resa ancora più speciale dall’amore che la circonda, pubblicata dalla Luvi Records che è l’etichetta di sua figlia Michela Ansoldi che si è sempre tenuta in disparte, ma che ha scelto da qualche tempo di produrla a sottolineare l’abbraccio, la forza della famiglia. “Gargana” è un disco dove con cura, sono raccolti brani molto diversi tra loro, con sei inediti, tra cui “Voglio amarti” presentata in gara a Sanremo e sette cover con canzoni del panorama musicale non solo italiano, ma internazionale, a ricordarci come Iva Zanicchi abbia pubblicato i suoi dischi in tutto il mondo, dall’Europa al Sud e Nord America, dall’Asia all’Australia, incidendo in cinque lingue, in italiano, spagnolo, inglese, francese e giapponese. Per la sua voce hanno scritto i più grandi autori italiani e internazionali: Mogol-Battisti, Paolo Limiti, Cristiano Malgioglio, Giorgio Gaber, Roberto Carlos, Roberto Vecchioni, Mikis Theodorakis, Umberto Balsamo, Pino Donaggio, Gorni Kramer, Tiziano Ferro e Zucchero Fornaciari. In “Gargana” ancora una volta Iva dimostra di saper dialogare non solo con autori storici ma anche con giovani per i quali ha sempre avuto un’attenzione particolare. «”Gargana” è un album al quale sono molto legata ed è zeppo di cose belle – ha sottolineato – È amore allo stato puro, il tanto che ho ricevuto e che ho, credo, con la musica ricambiato». Fra i brani del disco ci sono anche “Canzone” di Don Backy presentata a Sanremo nella serata delle cover e dei duetti per omaggiare Milva che la interpetrò al festival del 1968, “Vecchio frack” di Domenico Modugno ispirata a una storia vera di un uomo che si suicida deluso dall’amore, “Dove sei” dedicata a Lucio Dalla di cui ne ricorda le sue passioni, dalle moto alle barche, dal mare alla musica; a chiudere il disco c’è “Vola colomba”, nulla a che vedere con la canzone di Nilla Pizzi vincitrice della seconda edizione del festival, ma scritta da Franco Del Prete e Sal Da Vinci, quasi una preghiera, una speranza di pace, una richiesta d’amore nel mondo.

Franco Gigante

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche