x

19 Maggio 2022 - Ultimo aggiornamento il: 19 Maggio 2022 alle 10:55:00

Cronaca News

Calciatori del Taranto picchiati, il processo il 16 settembre

Il tribunale di Taranto
Il tribunale di Taranto

Inizierà il 16 settembre prossimo il processo a carico dei nove tifosi accusati di aver picchiato e ferito due giocatori del Taranto Calcio, allo stadio Iacovone. Il gup del Tribunale di Taranto Rita Romano ha disposto il rinvio a giudizio. Inoltre, il giudice ha emesso sentenza di assoluzione per l’unico imputato che ha scelto l’abbreviato, difeso dall’avvocato Francesco Nevoli. Per il giovane tifoso il pm Francesca Colaci aveva chiesto la condanna a due anni di reclusione. I fatti contestati risalgono al 22 marzo 2017. Quel giorno un gruppo di tifosi si rese responsabile di un’aggressione contro due giocatori rossoblu, Errico Altobello e Mariano Stendardo, entrambi parte offesa nella vicenda. Stando alla ricostruzione della Polizia, dopo aver fatto irruzione nel campo da gioco durante gli allenamenti, hanno malmenato con pugni e schiaffi i due atleti provocando loro lesioni e traumi al volto, alla testa e alle braccia e costringendoli a fare ricorso alle cure mediche.

Gli imputati rispondono di tre capi d’accusa, mentre altri due, riguardanti la detenzione di spranghe di ferro, coltelli e bastoni, oltre che di bombe carta fatte esplodere durante l’allenamento, sono stati dichiarati prescritti dal gup. L’indagine della Digos, dunque, ha perso qualche pezzo fra la chiusura delle indagini e l’udienza preliminare. Infatti, oltre alla prescrizione che ha cancellato alcune accuse e all’assoluzione di un imputato, c’è da registrare anche l’archiviazione per due indagati giunta dopo l’avviso di conclusione delle indagini. Quindi dei 12 nomi finiti inizialmente nei provvedimenti della magistratura a giudizio ne approdano nove fra i quali alcuni dei capi storici della tifoseria organizzata del Taranto. Nel corso del processo saranno difesi dagli avvocati Francesco Nevoli, Salvatore Maggio e Roberta Chiurlya.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche