x

24 Maggio 2022 - Ultimo aggiornamento il: 24 Maggio 2022 alle 09:59:00

News Politica

Melucci: «Inaccettabile che il progetto rallenti»

foto di Una veduta dell’ex yard Belleli
Una veduta dell’ex yard Belleli

«Comprendiamo la preoccupazione di Emiliano, inaccettabile che il progetto rallenti». Così Rinaldo Melucci, candidato sindaco della coalizione Ecosistema Taranto 2022, in riferimento al progetto dei cantieri navali Ferretti. «L’intervento del presidente Michele Emiliano nei confronti della ministra per il Sud Mara Carfagna, rispetto alla vicenda del progetto dei cantieri navali Ferretti, dice molto sul suo impegno nei confronti di Taranto.

Quel progetto, nato durante il governo Conte II con sottosegretario il senatore Mario Turco, è stato formalizzato lo scorso luglio proprio con una firma dell’amministratore delegato del gruppo, Alberto Galassi, alla presenza del governatore – ricorda Melucci – È un progetto attraverso il quale passa una parte fondamentale del processo di transizione che negli ultimi anni, grazie all’intesa tra Governo, Regione e Comune, abbiamo immaginato e avviato a Taranto. Lo stallo alla Corte dei Conti denunciato da Emiliano, quindi, è inconciliabile con gli sforzi che abbiamo compiuto in questi anni. Per questo comprendiamo fino in fondo la preoccupazione del governatore, che è anche la nostra: confidiamo nella bontà delle parole della ministra, ma è innegabile che chiunque si sia speso come noi per il futuro della città non possa accettare in alcun modo che un sogno di questa portata resti irrealizzabile per colpa della burocrazia. Ritardare ancora l’avvio di questo insediamento produttivo significa ritardare l’impiego di 200 lavoratori diretti e di un numero altrettanto rilevante di lavoratori dell’indotto, significa ritardare i lavori di bonifica dell’ex yard Belleli dove sorgeranno 65mila quadrati tra edifici e capannoni, significa allontanare ancora un investimento che sfiora i 200 milioni di euro Grazie al presidente Emiliano, quindi, che anche in questa occasione ha mostrato quanto tenga a Taranto con un atto concreto, tangibile e diretto».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche