x

17 Maggio 2022 - Ultimo aggiornamento il: 17 Maggio 2022 alle 21:48:00

Cronaca News

Cisl Fp: «Per noi consenso straordinario»

foto di Palazzo di Città di Taranto
Palazzo di Città di Taranto

Anche questa volta, con una affluenza complessiva di quasi il 90%, un consenso straordinario è stato riservato alle candidate e ai candidati della Cisl Funzione Pubblica e, più in generale, al sindacato confederale». Così Massimo Ferri, segretario generale della Cisl Fp. «La Cisl Fp fa il pieno di voti e si conferma il primo sindacato nel Ministero della Difesa che, con i suoi quasi 3.000 dipendenti solo a Taranto è il più importante insediamento produttivo pubblico del territorio dove la Cisl Fp con 872 voti è passata dal 25% del 2018 al 35% e dove, negli enti più grandi, registra picchi del 72% a Marina Sud, del 50% a Maristanav e del 27% in Arsenale, mentre a Brindisi conquista il 51% dei seggi, oltre la maggioranza nelle Funzioni Centrali.

Di assoluto rilievo i risultati sia del Comune di Taranto- dopo 4 anni complicati- dove la Cisl Fp è il primo sindacato con il 38% dei consensi che nella Provincia di Brindisi con il 60%. La Cisl Fp si conferma il sindacato maggioritario negli Enti Pubblici Non Economici come l’Inps di Brindisi con il (51%) e Taranto e l’Aci di Taranto con il 100% dei consensi. Di particolare significato i risultati della Sanità sia a Brindisi, dove la Cisl Fp si afferma come il primo sindacato confederale, che a Taranto il cui consenso è alla nostra idea di impegno a tutela dei diritti e della solidarietà come guida delle nostre iniziative. Non abbiamo promesso beni materiali in cambio di voti ma offerto la responsabilità di una generazione, nel pubblico impiego non più giovanissima, che cerca di avere una visione non circoscritta al proprio posto di lavoro, che guarda a chi il lavoro non ce l’ha, che dedica il proprio tempo agli altri nella convinzione che nel pubblico impiego si giochi una partita fondamentale per lo sviluppo. Hanno un valore nobile queste elezioni, dopo che il tempo drammatico che stiamo attraversando da due anni ha riportato i servizi pubblici e la pubblica amministrazione al centro della vita sociale del paese, destandolo dal torpore in cui da anni era avvolto.

Ma è il sindacato confederale nella sua interezza che oggi si conferma come unico elemento di sintesi delle istanze e delle aspettative dei dipendenti pubblici. E’ questo il messaggio più importante che esce dalle urne: ancora una volta i lavoratori pubblici affidano alle categorie del pubblico impiego di Cgil, Cisl e Uil il mandato di rinnovare la società attraverso il potenziamento e il rinnovamento dei servizi pubblici, come strumento di equilibrio sociale e come strada da percorrere per non lasciare indietro nessuno».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche