x

24 Maggio 2022 - Ultimo aggiornamento il: 24 Maggio 2022 alle 09:59:00

Calcio News Sport

Taranto-Bari, lo Iacovone verso il “tutto esaurito”

foto di I tifosi del Taranto
I tifosi del Taranto

L’attesa, l’evento, la magia. E’ vigilia del secondo atto del derby più antico di Puglia, quello fra Taranto e Bari, in un’atmosfera di festa per i traguardi stagionali raggiunti da entrambe le squadre protagoniste, di disinvoltura ludica ed agonistica per l’interpretazione della partita stessa, con la prospettiva più che concreta di un “tutto esaurito” sugli spalti dello stadio intitolato ad Erasmo Iacovone. Intuizione indovinata, quella della società rossoblu, la quale ha promosso un listino di prezzi assolutamente accessibili per ogni settore, all’indomani del crisma dell’ufficialità della permanenza in categoria da parte della formazione allenata da Giuseppe Laterza: complice anche la capienza spettatori ampliata al 100%, in base alle modifiche circa il protocollo sanitario per il calcio professionistico approvate per il mese di aprile, si preannuncia una straordinaria cornice di pubblico, un fattore assolutamente in antitesi rispetto alle recenti esibizioni interne del Taranto, caratterizzate da grave carenza di sostenitori, causata dallo scetticismo dilagante nei confronti del percorso travagliato della squadra e dalla polemica reiterata verso la dirigenza per le cifre dei tagliandi considerate esose.

Il duello fra Taranto e Bari si rinnova in riva allo Ionio dopo circa un trentennio, cronologia interminabile per due realtà dai destini diametralmente opposti: la partita, intrisa di contenuti emotivi e di rivalità ataviche e campanilistiche, coinciderà con l’ultima performance casalinga dei rossoblu e beneficerà di una duplice trasmissione: oltre alla diretta streaming, garantita dalla piattaforma esclusivista Eleven Sports, la gara è stata inserita nel palinsesto di Sky Sport e sarà visibile sul canale satellitare 252. La vendita libera dei biglietti proseguirà sino all’inizio del derby, in programma alle 17.30: come noto, il prefetto di Taranto ha confermato il divieto di trasferta e di ac-quisto dei ticket ai residenti delle province di Bari e BAT. Nel pomeriggio di ieri, sono stati venduti tutti i biglietti abbinati ai settori di Curva Nord (4435) e Gradinata (3333).

Questi i prezzi relativi alle tribu-ne, ai quali sono da aggiungere le commissioni online ed i diritti di prevendita: Tribuna Laterale 15,00 €, donne e bambini da 0 a 16 anni: 8,00 €; Tribuna Centralissima 35,00 €. Per la sfida coi biancorossi di Michele Mignani, insigniti della promozione in serie B, Giuseppe Laterza studierà le alternative più idonee, per una metamorfosi dello schieramento titolare adottato con continuità nei decisivi appuntamenti in calendario: le scelte non potranno non prescindere dalle squalifiche di Versienti e Di Gennaro, entrambi appiedati per un turno dal giudice sportivo perché diffidati. Davide Di Gennaro, “homo novus” dell’avventuroso girone di ritorno, ha dispensato classe, professionalità ed esperienza, accettando con serietà ogni peculiarità tattica, sia in fase di contenimento che in propensione ad ispirare e realizzare: purtroppo non potrà sfidare la sua ex squadra, per la quale ha rappresentato una sorta di meteora. Il direttore sportivo del Bari, Ciro Polito, ha dichiarato di non essersi pentito della cessione in prestito del calciatore al Taranto, poiché nelle fila biancorosse non era riuscito a ritagliare un ruolo dominante per lui, considerato un playmaker atipico, una sorta di “spirito libero”.

Un focus dettagliato riguarderà la composizione del centrocampo, dal quale rischia di abdicare capitan Marsili, dedito al processo di riatletizzazione dopo l’infortunio accorso al quadricipite sinistro. Sicuramente in linea nevralgica non agirà Civilleri, elemento di struttura e di geometria rivelatosi determinante per la versatilità tattica a tre ed a due: il centrale palermitano soffre da dicembre per un trauma alla schiena ed è stato costretto ad operare con l’ausilio delle infiltrazioni antidolorifiche, nonostante i suggerimenti dello staff medico circa l’osservazione di una pausa disciplinata alla risoluzione del problema cronico. Lo stesso Marco Civilleri ha confermato che la sua stagione agonistica sia terminata, rassicurata dal conseguimento della salvezza matematica da parte della squadra, ed ha confidato di puntare alla preparazione estiva, in vista del prossimo campionato, forte della stipula del prolungamento del contratto al 2024. Le aspettative potrebbero essere propizie per il giovane Cannavaro al fianco dell’esuberante Labriola, le cui quotazioni sono cresciute vertiginosamente nel segmento più delicato del torneo, mentre la batteria dei trequartisti offre ampia disponibilità sulla porzione destra, affidata alla scrupolosità di Mastromonaco, al desidero di rilancio da parte di Pacilli e di Manneh, il cui contributo è stato frammentario dal suo approdo in rossoblu nella sessione invernale di mercato. Le opportunità di variare coinvolgono anche Falcone, il quale aspira a riacquistare minuti nelle gambe dopo il secondo infortunio stagionale, ma anche il vivace Santarpia, mo-tivo per far rifiatare Giovinco in ottica offensiva. Per la retroguardia sono da monitorare le condizioni fisiche di Ferrara, costretto alla sostituzione alla fine della prima frazione del match di Messina: movimento tattico che ha previsto l’arretramento sulla corsia mancina da parte di De Maria, impiegato in modo eclettico nelle intuizioni avanzate.

Indizi che potranno essere suggeriti nel corso del rituale colloquio fra mister Laterza e la stampa, in programma oggi alle 14 prima della seduta di rifinitura: l’organico ionico si è dedicato ad una sequenza di singole sessioni pomeridiane di allenamento per tutta la settimana. Nella serata di mercoledì, intanto, il sodalizio del presidente Giove ha comunicato che il dottor Giuseppe Volpe è il nuovo responsabile sanitario del club e ricoprirà tale ruolo anche per la pros-sima stagione sportiva. Si tratta di un ritorno per lo specialista in ortopedia e traumatologia: sostituisce il dottor Antonio Valentini “che, per ragioni strettamente personali, ha dovuto rinunciare all’incarico”, come si legge nella nota divulgata.

Alessandra Carpino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche