x

19 Maggio 2022 - Ultimo aggiornamento il: 19 Maggio 2022 alle 10:55:00

Cronaca News

Gli alunni dell’Istituto C. G. Viola di Taranto a Seinäjoki, in Finlandia. Le foto

foto di Gli alunni dell’Istituto C. G. Viola di Taranto a Seinäjoki, in Finlandia
Gli alunni dell’Istituto C. G. Viola di Taranto a Seinäjoki, in Finlandia

Sono 12 e messi insieme non fanno una classe, pur rappresentandole tutte e 12, le loro classi di provenienza. Sono gli alunni dell’ICS C.G. Viola di Taranto atterrati in tardissima serata di sabato ad Helsinki, dopo una giornata di viaggio e sosta a Monaco.

Nel tempo del distanziamento e del conflitto, il DS Marilena Salamina e il suo staff hanno creduto ancora di più nelle opportunità del programma Erasmus+, in particolare con la mobilità di gruppo per studenti, nell’ambito dell’Accredited projects for mobility of learners and staff in school education, 2021-1-IT02-KA121-SCH-000009859: Viola On the Move: the Outdoor School è il progetto di formazione per personale docente, non docente e studenti sul tema dell’apprendimento creativo, dello sviluppo del pensiero logico come dell’espressività; segue il precedente percorso di formazione Erasmus+ sul tema degli ambienti di apprendimento innovativi, con la partecipazione di due scuole svedesi e una spagnola come partner. Come l’umanista e teologo olandese Erasmo da Rotterdam – che dà il nome al programma di scambio poiché viaggiò per tutta l’Europa nel XVI secolo con il fine di comprenderne le differenti culture – nel corso della prima settimana di maggio gli studenti delle 1^ e 2^ classi della Scuola Media Battisti frequenteranno la Scuola di Kivistö, a Seinäjoki nella Finlandia nord-occidentale.

Le famiglie e gli alunni dell’Istituto Viola hanno accettato la sfida, non facile e per qualcuno folle, di vivere una esperienza di apprendimento immersiva su tema «Nature and Landscape» a 3585 km lontani dalle certezze di ciascuno. Divisi per 4 classi della scuola di Kivistö, parteciperanno alle attività didattiche, precedentemente programmate tra le due scuole, durante lezioni di Musica, Scienze, Educazione Fisica, Arte. Ogni alunno sarà “cronista di viaggio” e coinvolgerà la propria classe con il racconto quotidiano dell’esperienza di mobilità: sarà portatore di conoscenza, sobillatore di curiosità, fucina di idee per contribuire ad innovare la propria scuola grazie al confronto con una realtà diversa ed intrigante.

“Open your mind, change your life” è, infatti, il mantra del programma di scambio Erasmus+, una delle tante possibilità di vivere l’Europa e il mondo intero. Aprire la mente, superare i propri limiti, allargare lo sguardo oltre il proprio orizzonte, vuol dire cambiare la propria vita e riempirla di senso e significato in una continua costruzione di se stessi.

Erasmus+ è tutto questo e molto di più: vivifica le tante parole sull’unità dell’Europa, ribalta scenari consueti, mette nelle mani delle nuove generazioni la fiducia nel futuro, amplifica le connessioni e le relazioni con gli altri e con se stessi, crea armonia e solidarietà, allarga i confini della percezione della diversità e non smette mai di stupire generando il desiderio di conoscere. Per questo, e per altro, qualche secolo fa Erasmo da Rotterdam firmò la sua opera più famosa, l’Elogio della follia, con lo pseudonimo di Erasmus Desiderius.

I racconti di viaggio e il nostro Erasmus+ saranno narrati su https://erasmusinviola.blogspot.com.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche