x

24 Maggio 2022 - Ultimo aggiornamento il: 24 Maggio 2022 alle 11:52:00

Cultura News

Undici artisti tarantini del disegno per il Santuario dei Delfini

foto di Il fumettista, Sal Velluto
Il fumettista, Sal Velluto

Una rimpatriata di talenti tarantini, per la prima volta tutti insieme a Taranto e per un nobile intento. Undici disegnatori tarantini, famosi per i loro lavori nel campo del fumetto, del cartone animato e della satira politica si raduneranno in occasione delle celebrazioni di Taranto Comix. Nomi conosciuti in Italia e nel mondo come Piero Angelini, Gian Marco De Francisco, Stefano Federici, Alessio Fortunato, Giuseppe Latanza, Nico Pillinini, Enzo Rizzi, Nicola Sammarco, Angelo Todaro e Gianfranco Vitti, si uniranno al loro collega “d’oltreoceano” Sal Vellluto per sostenere il progetto “Taranto Dolphin Sanctuary”, il santuario dei delfini che avrà sede in uno specchio di mare prospiciente l’isola di San Paolo. In quell’habitat ideale verranno accolti e tutelati delfini ed altri cetacei “a riposo” provenienti da tutta l’area europea. Ogni artista contribuirà con tavole originali, bozzetti, fumetti e libri autografati, ed altri articoli per appassionati e collezionisti, ad un’asta che si terrà nell’area espositiva del Taranto Comix, al Mon Rêve, dal 14 al 15 maggio, presso il gazebo della Jonian Dolphin Conservation.

Tutti i proventi dell’asta saranno devoluti a favore del progetto Santuario. Ma come nasce questa iniziativa? Bisogna tornare indietro di qualche mese e cioè a dicembre del 2021, quando Sal Velluto (l’artista tarantino che da oltre trent’anni vive negli States, primo tra gli italiani a sfondare per grosse case editrici americane di fumetti come Marvel e DC) donò al progetto del Santuario tutti i diritti d’uso di un’epica ed iconica immagine rappresentante Taras sul delfino rampante. Questa stessa immagine sarà disponibile, in anteprima, stampata sul merchandising in vendita preso il Gazebo della Jonian Dolphin, a Taranto Comix. Gli artisti che Sal Velluto è riuscito a radunare si alterneranno inoltre in una serie di tavole rotonde per raccontare e loro comuni radici, le loro carriere e il loro contributo al patrimonio artistico e culturale della città. «Credo – dice Sal a TarantoBuonasera – che sia giusto sottolineare l’importanza storica di questo evento grazie al quale siamo riusciti a radunare tutti questi talenti tarantini. Questo evento è un ritorno a casa e anche una presa di coscienza da parte del pubblico, che non si rende conto probabilmente di queste risorse che abbiamo a Taranto, risorse capaci di disseminare talento e cultura in tutto il mondo. Ma è anche una presa di coscienza per noi professionisti.

Molti di noi si stanno incontrando ora per la prima volta, finora ci eravamo sentiti solo a distanza. Facciamo parte di generazioni diverse e alcuni sono collegati l’uno all’altro come ispirazione. Con questa rimpatriata in qualche modo il cerchio si chiude». «Tutti questi artisti – spiega ancora Sal – si stanno unendo a me per questo importante progetto del Santuario dei Delfini. Ci divideremo i compiti tra le varie tavole rotonde. Ho molto apprezzato il sostegno dei mei colleghi e dell’organizzazione di Taranto Comix: senza il loro sostegno questo evento non sarebbe stato possibile». Questo il programma della tre giorni: il 12 maggio alle 16 appuntamento con la scuola di fumetto Grafite all’Istituto Alessandro Volta, in via Venezia 75 (ingresso libero). Il 13 maggio ci si trasferisce al circolo fotografico “Il Castello”, in via Plinio, 85; infine, ultimo appuntamento al Mon Reve con Taranto Comix “Sunny, Funny… Happy Days”. Alle prime 20 persone, verrà offerto, in omaggio, un poster del Taranto Comix autografato dagli artisti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche