Attualità News

Taranto in festa per Santa Rita

Dal 19 al 25 maggio le iniziative organizzate dalla parrocchia. Il programma

Santa Rita
Santa Rita - Copyright: Tbs

Al via dal 19 al 25 maggio, nella parrocchia di Santa Rita, una settimana densa di incontri, proposte culturali e momenti di festa. Un programma, quello della festa, che si articolerà sul tema “Si può vivere così? Non lasciatevi rubare la speranza”, ispirato da una frase di papa Francesco.

Come spiega il parroco mons. Gino Romanazzi «la festa di santa Rita è l’esperienza di un popolo che vive un momento straordinario, chiama­to a testimoniare, nell’appartenenza a Cristo e alla Chiesa, che la natura originaria della fede può essere interessante per tutti. Oggi stiamo vivendo una fase completamente nuova della storia, siamo come ai tempi dell’Impero romano, vivia­mo in una società multiculturale, in cui ognuno fa quello che vuole. Ma abbiamo qualcosa di cruciale che può rispondere al desiderio di compimento dell’uomo? C’è una sola condizione, che il cristianesi­mo sia cristianesimo, non ridotto a regole o sentimenti, ma che resti un fascino, una vita. Siamo chiamati a vivere intensamente il reale e ad offrire a tutti quello che abbiamo incontrato; la festa di santa Rita è una grande occasione per testimo­niare una vita che ha la forza di ria­prirci alla speranza, di riaccendere l’interesse per l’esistenza nostra e dei nostri familiari e amici».

Ai santi della porta accanto è dedi­cato il triduo, dal 19 al 21 maggio. Domenica 19 maggio alle ore 20,

“Aula Magna Giovanni Paolo II”, Mario Del Verme, coordinatore nazionale sport della Fondazione Pontificia “Scholas Occurrentes” che parlerà sul tema “Ricostruire il Patto Educativo: la rivoluzione di Papa Francesco”.

Lunedì 20 alle ore 20, sempre nell’Aula Magna Giovanni Paolo II, il prof. Franco Nembrini che, affrontando il tema dei festeg­giamenti “Non lasciatevi rubare la speranza”, presenterà la nuova edizione del suo libro “L’Inferno”, edito da Mondadori.

Martedì 21 ore 20, ultimo giorno del triduo in piazza, saremo allie­tati dal concerto della fanfara della Marina Militare, diretta dal mae­stro Michele Di Sabato, in memoria del maestro Vittorio Manente, a lungo direttore della gloriosa Ban­da Centrale della Marina Militare.

Mercoledì 22 maggio, il grande giorno della solennità di Santa Rita, per tutta la giornata giovani vo­lontari, con le magliette recanti la scritta “Quelli del 22 maggio”, te­stimonieranno la bellezza di essere cristiani e la gioia di comunicarlo, accogliendo i pellegrini provenienti da tutta la città, dalla provincia e anche da fuori regione.

Infine sabato 25, alle ore 20, “Si può vivere così?” – festa popolare nella piazza, con “l’autopranzo”, «tavolini e sedie in quantità sa­ranno a disposizione di tutti per cenare insieme, condividendo “tielle”, focacce, dolci e leccornie che ciascuno porterà da casa, in uno spirito di vera amicizia so­ciale, per un dialogo e un incontro in cui ciascuno offre il contributo della propria esperienza alla vita comune, il tutto sarà illuminato dalle luminarie e rallegrato con canti, giochi e balli. Non mancherà lo spettacolo pirotecnico, da tutti atteso, perché esprime la lode, la gioia e la gratitudine al Signore».

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche