18 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 18 Aprile 2021 alle 17:24:06

Attualità News

ArcelorMittal, Parco Loppa: avanti con la pavimentazione

L’opera sarà ultimata entro la fine di settembre

Parco Loppa, avanti con la pavimentazione
Parco Loppa, avanti con la pavimentazione

“Un altro importante passo avanti nel Piano Ambientale” viene annunciato, in una nota, da ArcelorMittal: “è stato completato il 50% dei lavori di pavimentazione del Parco Loppa, all’interno dello stabilimento siderurgico di Taranto. L’opera – i cui lavori di realizzazione sono stati affidati a una ditta pugliese – sarà ultimata entro la fine del prossimo settembre, ossia meno di 12 mesi dall’ingresso di ArcelorMittal Italia a Taranto e nel pieno rispetto delle scadenze stabilite dall’Addendum al contratto di affitto. La pavimentazione non è, peraltro, l’unico intervento che verrà realizzato nel Parco: è, infatti, previsto anche il barrieramento su tutto il perimetro dell’area in modo da ridurre al massimo la dispersione delle polveri. Il progetto per il confinamento prevede anche l’impermeabilizzazione della superficie del Parco, mediante un sistema di raccolta delle acque piovane e di quelle provenienti dalla loppa stessa.

L’acqua confluirà in 5 vasche situate sul perimetro del parco e verrà inviata, con un sistema di pompe, a un impianto di trattamento.Gli interventi al Parco Loppa, insieme alla copertura dei Parchi minerari, sono solo i più significativi del Piano ambientale più ambizioso di sempre: oltre 1 miliardo di euro di investimenti entro il 2023, per un totale di 69 progetti che riguardano suolo, aria, acqua e per i quali stiamo rispettando tutte le scadenze con l’obiettivo di far diventare lo stabilimento di Taranto il polo siderurgico tecnologicamente più avanzato e sostenibile d’Europa”. Sempre Mittal, nei giorni scorsi, aveva annunciato che lo stabilime

Parco Loppa, avanti con la pavimentazione
Parco Loppa, avanti
con la pavimentazione

nto tarantino avrebbe segnato “un altro importante passo verso la sostenibilità ambientale.

 

All’interno della copertura del parco fossili saranno, infatti, operative tre nuove macchine per la movimentazione degli stock, dalle caratteristiche fortemente innovative. Una soluzione che renderà Taranto punto di riferimento nel settore dello stoccaggio dei fossili. Le macchine hanno un design ideato specificamente per ottimizzare la quantità di materiali spostati sotto la copertura, massimizzando l’impiego di superficie coperta e l’altezza dei cumuli, riducendo, nel contempo, i consumi energetici e migliorando l’efficienza di produzione e l’affidabilità dell’impianto.

Parco Loppa, avanti con la pavimentazione
Parco Loppa, avanti
con la pavimentazione

Pur considerando che i parchi verranno completamente coperti e quindi isolati dall’esterno, le problematiche di miglioramento della salvaguardia ambientale sono state tenute in massimo conto per diminuire la generazione di polvere già dall’inizio, durante le operazioni di carico e scarico. Oltre ai trasferimenti, particolarmente curati dal punto di vista della tenuta delle polveri, la macchina sarà anche equipaggiata con impianto acqua a bordo che, tramite serbatoio, rete di distribuzione e serie di spruzzatori strategicamente collocati, abbatterà in modo significativo la generazione di polvere”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche