Attualità News

Le vittorie dell’Istituto comprensivo Pirandello

Concluso il progetto Gens3 con l’inaugurazione del murales al plesso Falcone-Ungaretti

Le vittorie della Pirandello
Le vittorie della Pirandello

Un anno intenso quello che ha visto coinvolti gli alunni dell’istituto comprensivo Piran­dello. I giovani ragazzi hanno vinto l’edizione 2019 categoria “Junior” del Mundialito Escuela, manife­stazione calcistica presente da 35 anni a Taranto che coinvolge giovani dalle scuole elementari alle scuole superiori di tutta la provincia.

In una finale in cui i ragazzi hanno battuto la squadra del “Real il Pineta” per 5 a 1, gli alunni della Piran­dello hanno alzato la coppa insieme alla dirigente Antonia Caforio e alla loro insegnante Anna Sasso con entusiasmo, grande correttezza e spirito sportivo.

Le vittorie della Pirandello
Le vittorie della Pirandello

E per concludere l’anno i Giovani hanno organizzato una festa aperta a tutto il quartiere. Seguiti dai docenti e con il beneplacito della dirigente, i ragazzi hanno progettato ed organizzato da soli la festa. Hanno raccolto adesioni, provveduto al buffet, programma­to la scaletta. «Anche quest’anno – spiega la preside Antonia Caforio – è stato un momento importante di crescita e di responsabilità: due parole spesso abusate ma che in questo caso hanno un riscontro reale. In questi anni abbiamo lavorato nell’ottica dell’inclusio­ne e perché la scuola fosse vista anche come un punto di riferimento nel quartiere. Ed oggi possiamo affer­mare che La nostra scuola è dunque davvero vista come bene comune aperto al territorio e in primis agli alunni». Intanto sabato scorso, presso l’auditorium del plesso “Falcone – Ungaretti”, si è tenuta la giornata conclusiva del lab murales che rientra in una delle azioni del progetto gens3. Il murales è l’insieme di due temi scelti dai bambini: la fantasia e l’inquinamento. «Il murales realizzato dai nostri alunni – va avanti la dirigente Caforio – esprime il desiderio di avere una città fantasiosa senza inquinamento».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche