Altri Sport News Sport

L’orgoglio di Quero nel nome di Taranto

Il riconoscimento da parte del Comune

Il maestro Quero con la consigliera delegata sllo sport, Carmen Casula (Max Perrini)
Il maestro Quero con la consigliera delegata sllo sport, Carmen Casula @ foto Max Perrini

La stagione estiva ricca di eventi della Quero-Chiloiro si apre con un importante riconoscimento da parte dell’amministrazione del comune di Taranto. Un momento tanto atteso dalla società tarantina che, da ormai cinquant’anni, opera nell’ambito sportivo per la promozione del territorio e dei sani valori trasmessi dal pugilato ai giovani che decidono di avvicinarsi a questo nobile sport. Il maestro benemerito Vincenzo Quero, con non poca commozione, ha ricevuto durante la cerimonia svoltasi mercoledì 5 giugno presso il palazzo di città di piazza Municipio a Taranto, una targa di riconoscimento dalla rappresentanza comunale, nelle figure della consigliera Carmen Casula e dell’assessore allo sport Fabiano Marti, che hanno voluto premiare la Quero-Chiloiro per essersi laureata Campione d’Italia nella classifica di merito nazionale 2018 stilata dalla Federazione Pugilistica Italiana.

Ad accompagnare il fondatore della Quero-Chiloiro, c’erano per la dirigenza Giovanni Semeraro, per lo staff tecnico, Cataldo Quero e Salvatore Versace, i pugili agonisti – (cuore della società) – élite Domenico Maffei, Andrea Ottomano e lo junior Federico Spataro, con tutto il vivaio di atleti amatori e del giovanile che hanno contribuito al raggiungimento di un grande traguardo per la società rosso-blù. “Ricevere questo premio dall’amministrazione comunale tarantina è per me motivo di grande onore”, ha detto Vincenzo Quero, che nel 1970 ha fondato con Domenico Chiloiro la società oggi campione d’Italia, “questa targa rappresenta un riconoscimento che dà valore a un’attività che da cinquant’anni stiamo portando avanti con tanti sacrifici, per innalzare la bandiera di Taranto”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche