Cronaca News

Nascondeva pistola e cocaina in casa: scatta l’arresto

Operazione dei “Falchi” della Mobile in centro

La pistola sequestrata
La pistola sequestrata

Nascondeva una pistola in casa: arrestato dalla Polizia di Stato. I Falchi della Squadra Mobile, nel corso di un mirato servizio volto al recupero di armi in uso alla mala locale, hanno proceduto alla perquisizione domiciliare, in pieno centro cittadino, nei confronti di un 59enne. I poliziotti, arrivati nella zona indicata abitualmente frequentata da pregiudicati, sono saliti rapidamente al secondo piano del palazzo per controlli nell’appartamento del sospettato.

Nel corso della perquisizione i “Falchi” sono riusciti a recuperare, sopra un soppalco prospicente al bagno, un borsello di tela con all’interno una pistola modificata completa di caricatore con due cartucce inesplose all’interno, nove dosi di cocaina per un peso di tre grammi e mezzo, un bilancino elettronico e un coltello con ancora evidenti tracce di droga sulla lama. L’uomo è stato dichiarato in arresto per detenzione illegale di arma da fuoco con relativo munizionamento e detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. Invece nel bilancio dei controlli anticrimime dei carabinieri tre gli arresti e trentaquattro le denunce a piede libero. Il Nucleo operativo radiomobile e le Stazioni di Taranto Principale, Taranto San Cataldo, Taranto Nord, Taranto Salinella, Talsano e Leporano hanno condotto nella locale casa circondariale un 26enne tarantino, condannato ad espiare quattro anni e quattro e mesi di reclusione perché riconosciuto colpevole di truffa e un 35enne, tarantino, condannato ad espiare due anni e otto mesi di reclusione perché riconosciuto colpevole di riciclaggio. Inoltre hanno sottoposto alla detenzione domiciliare, un 56enne tarantino condannato ad espiare la pena un anno di reclusione perché riconosciuto colpevole di crollo di costruzioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche