Cronaca News

ArcelorMittal, lo scudo penale fa tremare il governo

Lega contro Di Maio

Luigi Di Maio
Luigi Di Maio

L’ex Ilva, ora Arcelor Mittal, rischia di far inciampare il governo. L’indiscrezione è riportata da La Stampa, in un articolo in cui si narrano i retroscena dell’incontro che il vicepremier Matteo Salvini ha tenuto con i ministri della Lega. Ancora una volta sarebbero emerse gravi divergenze con la linea seguita dal partner di governo, il Movimento Cinquestelle. Questa volta, però, l’indice accusatorio sarebbe puntato tutto su Luigi Di Maio, non in quanto capo politico del M5S, ma come titolare del Ministero dello Sviluppo.

Già, perché sono tutte le vertenze in piedi, a livello nazionale, a preoccupare Salvini e a far temere un preoccupante calo di consensi. «Tenetevi pronti a qualsiasi evenienza», avrebbe detto Salvini ai suoi. Con lui c’era la squadra di governo leghista: i ministri Fontana, Centinaio, Bongiorno, Stefani e Bussetti e il sottosegretario Giorgetti. Proprio quest’ultimo si sarebbe mostrato il più agguerrito contro Di Maio e i Cinquestelle. A far temere una reazione furbonda del mondo del lavoro sono le diverse vertenze che, secondo la Lega, Di Maio non sarebbe in grado di gestire. Da Alitalia a Whirlpool fino ad arrivare, appunto, ad Arcelor Mittal. Nulla a che vedere con la cassa integrazione per i 1.395 lavoratori della quale si parla in questi giorni, ma un problema molto più insidioso: quello dello scudo penale garantito alla nuova proprietà. Nel decreto crescita dovrebbe essere sancita la fine dello scudo a settembre prossimo contro il 2023 inizialmente previsto. Un provvedimento che, secondo quanto riporta il quotidiano torinese, rischierebbe di provocare la chiusura degli stabilimenti di Taranto, Genova e Novi Ligure. Una prospettiva che fa tremare la Lega, come ha confermato un leghista anonimo allo stesso giornale: «Se non si risolvono questi problemi ci ritroveremo le piazze piene. Le persone scenderebbero in piazza per il lavoro. Gli effetti sul nostro consenso sarebbero devastanti».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche