Cronaca News

Screening gratuito per i bimbi delle scuole chiuse dei Tamburi

Il 26 giugno vertice sulle collinette

Rinaldo Melucci
Rinaldo Melucci

«Il Comune di Taranto sta stu­diando la possibilità di dare seguito alla giusta esigenza espressa dai genitori dei bambini di quei plessi, di avviare per tutti loro uno screening sa­nitario gratuito e valutare in seguito la possibilità di ulteriori estensioni».

Lo comunica il sindaco di Taranto, Rinaldo Me­lucci (nella foto), in riferimento alla questione ambientale riguar­dante alcune scuole del rione Tamburi. «Desidero ringraziare vivamente il prefetto di Taranto, Antonella Bellomo, per aver in tempi brevi inteso accogliere la richiesta del Comune di Taranto, inerente la convocazione di una apposita conferenza di servizi in data 26 giugno, con all’ordine del giorno la questione delle collinette ecologiche del quartiere Tamburi e finalmente una possibile prospettiva per le scuole Deledda e De Carolis».

Nei giorni scorsi, il sindaco Melucci ha parteci­pato, in videoconferenza, all’audizione della 10a Commissione Permanente del Senato, che si oc­cupa di industria, commercio e turismo. «Il primo cittadino ha potuto fare il punto delle più generali vicende riferibili all’Area di Crisi Complessa di Taranto, e più nel particolare, tra gli altri, dell’a­vanzamento delle bonifiche sul territorio ionico, degli ingenti fondi ancora bloccati, del riesame dell’Aia ormai avviato e della intervenuta cassa integrazione presso lo stabilimento siderurgico. Il sindaco – spiegano da Palazzo di Città – è tornato ad esprimere ai Senatori intervenuti la preoccupa­zione dell’intera comunità per un percorso che, in definitiva, sembra affrontare una fase di rallentamen­to, di speculazione del gestore e di mortificazione delle aspirazioni di residenti, lavoratori ed imprese».

«I segnali non sono ancora affatto confortanti, da nessun punto di vista – ha dichiarato il sindaco in chiusura dei lavori – e registro il moltiplicarsi di attori e teorie che non agevola gli sforzi degli enti locali. In molti non hanno ancora del tutto compreso la portata eccezionale del riesame dell’Aia, la capacità che avremo attraverso questo strumento di condizio­nare ogni azione futura. Al momento, è il nostro faro. Altre iniziative non sembrano consistenti. Ora convocheremo ArcelorMittal, perché non c’è alcuna ragione per far partire la cassa integrazione senza un opportuno negoziato».

1 Commento
  1. Vincenzo Petrosino 10 mesi ago
    Reply

    Sarebbe opportuno controllare la presenza degli inquinanti nel sangue e altre matrici.Alla Lucr di alcuni nostri studi e di altri ricercatori sarebbe opportuno corollario metalli pesanti specialmente in affetti da patologie oncologiche. Non so che tipo di sceening si intende fare ma per questo tipo di inquinanti le cose o si studiano con un protocollo e si segue la cosa oppure inutile perdere tempo.Vincento Petrosino specialista in Oncologia Chirurgica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche