Veduta aerea di Taranto
Veduta aerea di Taranto

Soffiare sul fuoco è esercizio molto pericoloso. Dall’estate 2012, anno in cui è esplosa la vertenza ambientale, di momenti di tensione ce ne sono stati. I più caldi: l’invasione dell’Apecar in Piazza della Vittoria durante il comizio dei segretari di Cgil, Cisl, Uil e quando ci fu un lancio di oggetti ai danni di alcuni parlamentari del Pd nel giorno in cui Matteo Renzi venne ad inaugurare il Museo rimesso a nuovo. Era una piccola ma chiassosa folla di contestatori, guidati da chi su quelle proteste ha costruito le proprie fortune elettorali. Analogo episodio, più recente e questa volta a ruoli invertiti, quando la contestazione di piazza colpì una deputata del M5S. Un episodio di contestazione al sindaco si era registrato invece sotto Palazzo del Governo. Mai, però, si era arrivati allo scontro fisico. Cosa che invece è purtroppo accaduta lunedì 17 giugno in consiglio comunale.

Ora, i bambini del rione Tamburi hanno il diritto assoluto di studiare nel loro quartiere e di poterlo fare in massima sicurezza. E sono pienamente legittime le aspettative dei loro genitori di sapere dove, a settembre, i loro figli andranno a scuola. Far credere loro, però, che ci sia disinteresse o cattiva volontà di risolvere i problemi è una strada rischiosa da percorrere. Lo si è visto appunto con quel che è accaduto in consiglio comunale. La protesta, quando è sorretta dall’esasperazione, è materia che va maneggiata con molta cura. Purtroppo viviamo una situazione maledettamente complicata dalla quale non è semplice uscire. Certo, aiuterebbe forse a distendere gli animi l’istituzione di un canale privilegiato di comunicazione tra istituzioni e famiglie. Taranto non uscirà mai da questa crisi se non ritrovando dialogo e capacità di confronto. Lo scontro, di per sé, è solo una ulteriore forma di esasperazione: non risolve i problemi e lacera gli animi. È di altro che abbiamo bisogno.

Enzo Ferrari
Direttore Responsabile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche