Cronaca News

Tamburi, perseguita una collega di lavoro: arrestato

La sede della Questura
La sede della Questura

Atti persecutori nei confronti di un collega di lavoro: giovane arrestato dalla Polizia di Stato. Gli agenti della Squadra Volante hanno fermato per stalking un ventottenne di origini baresi. Dopo l’ennesimo episodio, la vittima, che lavora presso una azienda di spedizione situata nel quartiere Tamburi, ha chiamato il 113 per chiedere un intervento risolutivo perché il presunto stalker si era nuovamente presentato sul luogo di lavoro.

Le minacce, passate in una occasione alle vie di fatto, duravano ormai da circa tre mesi ed avevano generato nella vittima gravi stati d’ansia e di agitazione. A seguito degli atti persecutori, il presunto aggressore era stato già destinatario del provvedimento di divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa. Persistendo la violazione delle prescrizioni della misura di polizia, il giovane è stato fermato e posto agli arresti domiciliari. Gli agenti, arrivati sul posto, hanno contattato la vittima la quale ha fornito ampie indicazioni per rintracciare il presunto stalker, che pochi minuti prima si era presentato nel piazzale dell’azienda a bordo della sua autovettura e si era poi dileguato. Gli agenti, della Squadra Volante dopo aver raccolto ogni elemento utile volto al suo rintraccio, lo hanno intercettato e fermato poco distante mentre a bordo della sua autovettura stava cercando di allontanarsi. Il ventottenne di origini baresi , a seguito dell’ennesima denuncia che è stata presentata dal suocollega di lavoro , è stato dichiarato in arresto per minacce e per atti persecutori. Ora ai “domiciliari” a disposione dell’autorità giudiziaria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche