News Spettacolo

Melucci: «Una sfida che stiamo vincendo»

La Stagione del Comune al Teatro Fusco

Il Teatro comunale Fusco
Il Teatro comunale Fusco

«Siamo contenti della risposta della città. Il Fusco è il frutto di una operazione fortemente immaginata per la città e la sua struttura comunale. Una sfida che abbiamo vinto o stiamo vincendo al di là dei numeri e del valore degli spettacoli»: sono queste le dichiarazioni di Rinaldo Melucci alla conferenza stampa di presentazione della stagione 2019/2020 del Comune e Teatro Pubblico Pugliese, in programma a partire dall’1 novembre, a nuovo Teatro Fusco. «Il Fusco è un bene di tutti che non ha un colore politico e vi esorto a guardare con questa prospettiva, senza divisioni – ha detto il Sindaco – Quella passata è stata una splendida stagione: siamo molto soddisfatti, rinnoviamo e fortifichiamo la convenzione con il Tpp, che ha portato al successo vero e proprio. Squadra che vince non si cambia. Siamo disponibili anche a modificare, incrementare gli impegni economici investiti. Questa è una città di cultura, riferimento di tante nicchie».

«Mi aggiungo alle belle parole del sindaco – aha aggiunto Fabiano Marti, assessore alla Cultura – La scorsa è stata una stagione di prova, ma ha funzionato tutto alla perfezione. Ringrazio la squadra, eccezionale, costruita elemento per elemento. Dal direttore scelto dal Tpp, una scelta grandissima, ai tecnici, al Crest, al botteghino, alle maschere. In questa città basta stimolare attenzione e le risposte arrivano sempre. Nei prossimi giorni presenteremo diverse rassegne, tra cui la stagione estiva, quella musicale e l’altra con gli Amici della Musica. Quest’anno Taranto ha dimostrato che il pubblico c’è. Si usciva dal Fusco e il pubblico numeroso incontrava il pubblico dell’altro teatro, l’Orfeo. Stupendo. La prossima stagione sarà bellissima e Taranto se la merita. Siamo sicuri che avremo ancora sold out».

All’incontro con la stampa presente anche Roberto Romeo, consigliere del Cda Tpp: «Porto il saluto del presidente del Teatro Pubblico Pugliese, Giuseppe D’Urso – ha detto – , e degli altri componenti del Cda. Quando si chiude una stagione con grandi risultati, quella successiva si presenta con una duplice compito: da una parte una nuova assunzione di responsabilità, di fare meglio, sempre meglio, per prolungare l’ultimo applauso; poi si pensa a come proseguire nei risultati. La nuova stagione è stata programmata con questa responsabilità». «Ringrazio il sindaco per il sostegno e i suoi incoraggiamenti continui, l’assessore, gli uffici del Comune, la struttura, lo staff, il Crest. La macchina organizzativa e gli standard del Fusco sono, ormai, rodati e hanno prodotto una grande stagione – ha dichiarato il direttore del Fusco, Michelangelo Busco – I numeri: 60 aperture di sipario, 25 mila presenze complessive, 7mila presenze nei 19 appuntamenti di prosa e musica, 5007 presenze solo per la prosa. 600 giornate lavorative, significa giornate di persone che lavorano qui a teatro,a Taranto, lavoro per i tarantini, lavoro per Taranto. Gli obiettivi? Mi preme continuare a migliorare e gravare sempre meno sulle spese pubbliche. Bilanceremo le spese ritoccando minimamente gli abbonamenti. L’anno scorso su 19 spettacoli, 16 sono andati in sold out. Nella prossima stagione ci saranno 100 aperture di sipario.

A breve presenteremo la stagione di musica con concerti in cartellone e in più 3 concerti di band tarantine scelte dal bando pubblico “Emergenza musicali”». Nove, in tutto, gli spettacoli in cartellone tra danza aerea, musica, opera in commedia, testi e drammaturghi classici e contemporanei riletture e prove d’attore. Di spicco i nomi che arriveranno in città:. «Gli spettacoli che abbiamo scelto per il prossimo anno sono di rilevanza nazionale e presenti sui più grandi palcoscenici d Italia – ha sottolineato Giulia Delli Santi, dirigente Tpp – Mi piace ricordare la presenza della prima a novembre in fuori abbonamento con Elisa Barucchieri che stavolta porta dentro il teatro, il suo spettacolo. L’anno scorso era fuori, per la città, con la sua bella danza aerea. Ci sono novità ed esclusive regionali ad esempio lo spettacolo con il grande Glauco Mauri. Altra presenza da citare, ma andrebbero citati tutti, Così parlò bellavista, con Geppy e Marisa Laurito. E poi occhio a Opera Locos. Uno spettacolo di una compagnia di Barcellona che fa ridere, emoziona, è divertente. Sarà in Puglia solo qui a Taranto e a Barletta».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche