20 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 20 Aprile 2021 alle 20:01:12

Cultura News

MarTa: c’è la festa della musica

Week-end ricco di appuntamenti al Museo Archeologico Nazionale

MarTa
MarTa

Anche il Museo Archeologico Nazionale MarTa aderisce alla “Festa della musica”, la manifestazione che si tiene il 21 giugno di ogni anno per celebrare il solstizio d’estate. Tante le iniziative tra conferenze ed eventi vari, tutte organizzate in collaborazione con l’Istituto Superiore di Studi Musicali “Giovanni Paisiello”. Non si arresta, nel frattempo, il fermento intorno ai weekend che il MarTa propone tra laboratori e percorsi guidati per grandi e piccoli sul tema “Taranto è il mare. Navigando nel corso del tempo”, a cura del concessionario “Nova Apulia”.

Questo il programma fino al 23 giugno: dalle 17:00 alle 18:00 grazie alla collaborazione con l’Istituto Superiore di Studi Musicali “Giovanni Paisiello” di Taranto, istituzione con poco meno di un secolo di storia che annovera oltre 700 studenti di musica provenienti da tutt’Italia, la musica sarà protagonista all’interno del percorso museale. Diverse classi musicali si alterneranno nelle sale, per allietare i visitatori con brevi quadri musicali. Accesso libero alle performance nella hall. Accesso alle sale previo pagamento del biglietto d’ingresso. Alle ore 18:00, presso la sala “Incontri” del Museo, si terrà la conferenza dal titolo: “Musica, dissenso e cultura underground negli anni Sessanta”, a cura di Antonio Basile, direttore scientifico del Civico Museo Etnografico “Alfredo Majorano” di Taranto. Basile relazionerà su decennio caratterizzato dal più importante rinnovamento generazionale che il secolo scorso abbia mai visto. Gli eventi socio-politici e culturali di quegli anni avrebbero influenzato e modificato profondamente la cultura delle future generazioni.

Prima la beat generation e la musica jazz e in seguito, la musica pop, gli Hippies, i Provos, gli artisti della pop art, diventano il nuovo modo di espressione dei giovani, che si identificano sempre di più nei loro idoli musicali. In quegli anni, sono sempre di più i giovani che scendono nelle piazze per esprimere il proprio dissenso, che culminerà spesso, in violente contestazioni. Un ruolo importante, svolse in quegli anni il filosofo H. Marcuse, il quale con le sue pubblicazioni (Eros e civiltà, L’uomo a una dimensione, editi da G. Einaudi Editore) mosse una critica radicale alla società borghese, sostenendo il progetto di un socialismo utopico, basato sul grande rifiuto della società capitalistica. Ma dopo Woodstock, molti rimasero delusi, la controcultura dalla strada finirà nei grandi magazzini, mentre Marcuse, Ginsberg, Kerouac, Jerry Rubin, Timothy Leary e Abbie Hoffman, in libreria. Per John Lennon il “sogno era finito” … (And so TEATRO/ “L’ATLETA” MuDi: tre giorni di performance TARANTO – Tre giorni di performance teatrale – il 28, 29 e 30 giugno – al MuDi, il Museo Diocesano in vico I Seminario, in Città Vecchia: di scena “L’atleta”, esito finale di due percorsi formativi nell’ambito del progetto regionale triennale “Heroes” del Crest, in ATS con l’associazione culturale “Tra il dire e il fare” di Ruvo di Puglia. La Tomba dell’atleta troneggia in una sala del secondo piano del MarTa. Il suo ritrovamento risale al 1959 ed è l’unico atleta del mondo greco di cui sia stata interamente recuperata la sepoltura: il suo scheletro rappresenta un cimelio dal valore inestimabile. La sua identità è un mistero, a tutti è noto semplicemente come “Atleta di Taranto”.

Una sepoltura monumentale singola che lo indica come una vera leggenda dell’epoca per aver vinto quattro Giochi panatenaici in una delle specialità più difficili e poliedriche, il pentathlon: un uomo capace di competere con successo nelle arene di Atene e, perciò, onorato come un dio.Sulle tracce del misterioso Atleta il pubblico conoscerà Icco di Taranto, uno dei più famosi atleti del mondo antico, vincitore del pentathlon nella 77esima Olimpiade (472 a.C.) nonché medico e ginnasiarca greco, che visse a Taranto nel periodo di maggiore floridezza della città, divenendo rettore del famoso Ginnasio della polis. dear friends, You just have to carry on / The dream is over). L’ingresso alla conferenza sarà gratuito. Sabato, 22 giugno, alle ore 17, torna “Divertimarta”, il laboratorio per bambini sul tema “Dei ed eroi. Poseidone”. Attività: visita guidata tematica e a seguire laboratorio di pittura. Consigliato a bambini di età compresa fra i 6 e i 12 anni. Tariffa euro 8,00 a bambino. Prenotazione obbligatoria. Sempre sabato 22 giugno, alle ore 17:30, visita guidata sul tema “Navigando nel tempo”. Tariffa euro 6,50 + biglietto d’ingresso. Prenotazione obbligatoria. Per lo spazio dedicato agli approfondimenti teorici domenica, 23 giugno, alle 10,00, incontro sul tema “Come navigavano i Greci?”. Tariffa euro 6,50 + biglietto d’ingresso. Prenotazione obbligatoria. Info. 099:4538639

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche