Cultura News

Al via la XXVI edizione del concorso di ceramica

L’evento avrà come location il Castello Episcopio a Grottaglie

La XXVI edizione di “MediTERRAneo”
La XXVI edizione di “MediTERRAneo”

GROTTAGLIE – Prenderà il via venerdì, 28 giugno, alle 18,30, al Castello Episcopio, la XXVI edizione del concorso di ceramica contemporanea “MediTERRAneo”, promosso dall’Amministrazione comunale di Grottaglie con l’obiettivo di stimolare un confronto dialettico tra la dimensione ancestrale della ceramica e la contemporaneità dei processi creativi degli artisti. A differenza delle passate edizioni, per quest’anno non è stato scelto un tema specifico. Il concorso è nato a Grottaglie nel 1971 e, da allora, rende omaggio all’artigianato ceramico quale elemento essenziale della storia identitaria della città che da secoli riesce a trasformare la terra in opere d’arte.

«Proprio sull’elemento materico ancestrale della Terra – dice l’assessore alla cultura, Elisabetta Dubla – vuole ancora insistere il nome del concorso, in continuità col solco già tracciato nella precedente edizione, di cui la linea grafica attuale conserva alcune specifiche ed evocative tracce; ma Terra rappresenta anche il corpo centrale della parola “Mediterraneo” che negli anni scorsi aveva geograficamente delimitato l’area di provenienza delle opere in concorso. In sintesi – continua l’assessore – l’idea è quella di conservare rinnovando: conservare i tratti distintivi di un concorso che giunge alla sua ventiseiesima edizione, rispettando ed enfatizzando i suoi elementi identitari, imprimendogli nel contempo una direzione nuova e diversa, giammai contrapposta. Ecco che dalla parola Medi TERRA neo – conclude – emergono graficamente i frammenti medi e neo, e la mostraconcorso si candida ad un nuovo ruolo, attuale e sociale: fare dell’arte ceramica uno strumento di mediazione, traduzione, interpretazione delle esigenze di rinnovamento del mondo contemporaneo, di come esso si snoda nel mezzo delle varie terre e culture». Il primo premio per la migliore opera consiste in un contributo di 3mila euro e, al secondo premiato, oltre a ricevere la somma di 500 euro, sarà data la possibilità di esporre una sua rassegna durante la Mostra delle Ceramica 2020.

Ad assegnare il primo e il secondo premio sarà una giuria di alto livello i cui componenti provengono da diverse realtà del mondo dell’arte e del design: Lorenzo Madaro, curatore e docente di Storia dell’arte all’Accademia di belle arti di Lecce; Crispino Lanza, docente di Design al Politecnico di Bari e membro direttivo del Distretto Puglia Creativa;Michele Guido, artista e docente dell’Accademia di Brera (Milano) e Susanna Torres, Responsabile progetti europei della Fondazione Pino Pascali di Polignano a mare.

«Ripensare la ceramica attraverso il confronto dialettico – dichiara Lorenzo Madaro, curatore dell’edizione 2019 della mostra – della con la progettualità degli artisti: questa mostra sarà un vero e proprio laboratorio che spero potrà continuare con un coinvolgimento attivo nelle botteghe della città, magari mediante un progetto di residenze d’artista e dialoghi con realtà leader, come il MIC di Faenza, per esempio». Orario di apertura dal 29 giugno al 29 settembre, tutti i giorni dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 21 (compresi i festivi).

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche