19 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 19 Aprile 2021 alle 15:35:44

News Spettacolo

Conto alla rovescia per la “Carmen”

Il 7 luglio l’inaugurazione dell’evento alle Cave di Fantiano

La “Carmen” di Bizet
La “Carmen” di Bizet

GROTTAGLIE – È partito il conto alla rovescia per la serata inaugurale del “Festival Oltre Lirica” che apri­rà i battenti domenica, 7 luglio, sul palcoscenico delle Cave di Fantiano, nella Città delle Ceramiche.

E a dare il via all’attesa rassegna sarà una tra le opere più amate e popolari: la “Carmen” di Georges Bizet, la grande opera in quattro quadri, su libretto di Henri Meilhac e Ludovic Halévy, tratta dalla novella omonima di Prosper Mérimée (1845). La dire­zione dell’Orchestra e Coro di Oltre Lirica sarà affidata a Elio Orciulo, tra i migliori talenti pugliesi della bac­chetta, con la regia di Lev Pugliese.

Nel cast principale Carmen sarà in­terpretata da Angela Cuoccio, Don José da Gianni Leccese, Escamillo da Francesco Baiocchi,

Micaela da Cristina Giannelli. In scena anche la compagnia di danza “Equilibrio Dinamico”, fondata e diretta da Roberta Ferrara, tra le più attive e importanti del Sud Italia.

Comìè noto, l’intera vicenda si svolge a Siviglia e racconta la storia intensa e passionale che vede protagonista una sigaraia sensuale cheammalia un soldato devoto all’arma e alla patria. È un’opera cardine di fine ‘800 (la prima, a Parigi, andò in scena il 3 marzo 1875), ma resta un capolavoro senza tempo. seppur con un luogo e un’ambientazione ben precisa: la Spagna diventa una cor­nice fondamentale della vicenda, un “personaggio” attivo nelle passioni della protagonista Carmen.

La chiave di lettura sta nel triangolo di base tra Carmen, Don Josè e la Spagna: la sigaraia è il perno fonda­mentale, è lei a muovere le pedine a suo piacere, a condurre il gioco, come un serpente a sonagli che illude con il suo fascino, per poi scagliarsi e colpire la vittima. In tal caso la vitti­ma prescelta sarà lo stesso Don Josè, anche se alla fine, a soccombere, sarà la stessa Carmen.

L’opera di Bizet apre inevitabil­mente alla riflessione di temi molto scottanti e purtroppo attuali come il femminicidio. Per questo motivo gli organizzatori realizzeranno con l’associazione «Io sono Mia», uno slow mob (termine coniato per de­finire una nuova tipologia di evento artistico di piazza), giovedì 4 luglio durante il mercato settimanale di Grottaglie.

I biglietti dello spettacolo sono in vendita su www.liveticket.it/oltreli­ricagrottaglie, nei punti vendita del circuito, a Taranto (Bar “El Tim­ba”, via Dante Alighieri nr. 107) e all’infopoint turistico di Grottaglie, all’interno del Castello Episcopio (tel.: 099:5623866) oppure domeni­ca, 7 luglio, direttamente alle Cave di Fantiano a partire dalle 19. Costo biglietti: intero – platea € 40,00; settore A € 25,00; settore B € 25,00; settore C € 25,00; riservato disabili e accompagnatori – settore A prima fila € 17,50. Ridotto: biglietti disponibili solo nei settori B2 e C2 (ridotto under 18 € 20,00; ridotto over 65 € 20.00).

Il festival è organizzato da An.G.Eli Eventi, sostenuto dal Comune di Grottaglie, ed ha il patrocinio dell’Assessorato all’Industria turisti­ca e culturale, Gestione e valorizza­zione dei beni culturali della Regione Puglia e Teatro Pubblico Pugliese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche