17 Ottobre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 17 Ottobre 2021 alle 12:46:00

Cronaca News

Un nuovo “Salva Ilva”, la Lega ora ci pensa

Il viceministro Garavaglia: «Non la faremo chiudere»

ArcelorMittal
ArcelorMittal

L’ennesimo provve­dimento governativo per salvare l’Ilva; salvarla da un decreto varato dallo stesso esecutivo.

Quando mancano poco più di due mesi dall’annunciata chiusura dell’acciaieria (la data è il 6 set­tembre, parola del capo europeo di ArcelorMittal) la questione Taranto pare destinata se possibile ad in­garbugliarsi. Così parla al Corriere della Sera Massimo Garavaglia, viceministro dell’Economia in quo­ta Lega e uomo di assoluta fiducia di Matteo Salvini: «Con il primo provvedimento utile, se serve, si adegua la norma. Mica possiamo far chiudere l’Ilva… Gli accordi presi vanno mantenuti». E, se non fosse stato chiaro: «Semplicemente, con il primo provvedimento utile, se serve, inseriamo la norma e la approviamo. Ripeto: mica possia­mo far chiudere l’Ilva».

La “norma” di cui parla Garavaglia è la con­testatissima immunità penale per ArcelorMittal, che dal 6 settembre sarà abolita, come è stabilito dal Decreto Crescita approvato (con voto di fiducia) la scorsa settima­na. Immunità tolta con decreto e ridata con un altro decreto, allora? Sarebbe un boccone difficilissimo da digerire per l’altra metà del cielo sopra il governo Conte, quella con le cinque stelle. Di Maio ha voluto l’abolizione del famigerato esimen­te penale, ha incassato l’appoggio del collega ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, ed in parte del premier Conte. In Giappone per il G20 il presidente del consiglio ha sposato la linea pentastellata: «l’immunità era un privilegio che il Parlamento, sovrano, ha abolito». Ma al di là delle dichiarazioni, Conte è al lavoro per trovare la soluzione che eviti lo stop all’ac­ciaieria, con relativi conseguenze per i posti di lavoro oltre che per l’economia nazionale. Un dietro­front però sarebbe pesantissimo per il M5s, che si è esposto molto – anche con i suoi rappresentanti locali – sulla fine dell’immunità. In questo, resta aperta la partita sulla cassa integrazione, possibile anticipazione di ciò che potrebbe accadere a fine estate, mentre a Taranto si riunisce la commissione parlamentare Industria.

2 Commenti
  1. Antonio 2 anni ago
    Reply

    Mi piacerebbe leggere ogni tanto un ipotesi di decreto SALVA TARANTO

  2. max 2 anni ago
    Reply

    chiusura immediata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche