Cronaca News

Salta in aria un’auto, scatta un arresto

Vigili del Fuoco
Vigili del Fuoco

Fanno saltare in aria una macchina: uno viene preso e l’altro fugge.

Il 1° luglio scorso, intorno alle 2.30 nel quartiere Paolo VI un’auto­vettura è stata danneggiata dalla deflagrazione di un ordigno confe­zionato artigianalmente.

Le indagini, eseguite a tempo di record dai carabinieri della Sezione operativa della Compagnia di Taranto, hanno consentito di arresta­re il 32enne tarantino Michele De Lorenzis, ritenuto essere uno dei responsabili dell’azione criminosa. Un complice è riuscito a fuggire.

Secondo una prima ricostruzione i due avrebbero collocato una bom­ba carta sulla carrozzeria di una Ford Fiesta, parcheggiata in strada la cui deflagrazione ha provocato ingenti danni al cofano ed al para­brezza della vettura.

Subito dopo il raid i due sono fuggiti a bordo di una moto di grossa cilindrata, lasciando sul posto l’autovettura Audi A3 precedentemen­te utilizzata per giungere sul luogo dell’attentato. Da qui ha avuto inizio l’attività degli investigatori dell’Arma, i quali hanno predispo­sto un servizio di appostamento in zona, in attesa che i due tornasse­ro a recuperare l’autovettura.

Dopo qualche ora i due sono tornati sul posto e De Lorenzis alla vista dei carabinieri ha tentato di fuggire a bordo della sua moto ma è stato subito bloccato.

Il complice, invece, è riuscito a a guadagnare la fuga, prima a bordo dell’Audi A3, per poi dileguarsi a piedi tra le vie del quartiere dopo essere stato braccato dai militari della Sezione radiomobile della Compagnia. L’arrestato è stato condotto in cella mentre l’autovettura e la moto utilizzata dai due sono state sequestrate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche