22 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 21 Aprile 2021 alle 16:13:38

Cronaca News

Ora sosteniamo le imprese

«Scongiurato il rischio infrazione». Il sen. Mario Turco punta sulla “raider tax”

Mario Turco
Mario Turco

«Abbiamo scongiurato il rischio infrazione e allo stesso tempo abbiamo provveduto a rilanciare altre misure a sostegno dei consumi e dei cittadini. E ci siamo riusciti grazie alle risorse recuperate, alle maggiori entrate fiscali e contributive, oltre che grazie ai risparmi del Reddito di Cittadinanza e di quota 100». Lo afferma il senatore Mario Turco (M5S).

«L’assestamento di bilancio dei conti pubblici per ridurre il deficit al 2%, così come concordato con l’Europa a novembre, prevede inoltre molte misure a favore dei cittadini, in quanto ci sarà anche una maggiore spesa per 1,15 miliardi di euro rispetto al previsto. Tre le principali – aggiunge il parlamentare tarantino – il Ministro dell’Economia annuncerà il recupero di 500 milioni di euro da dedicare ai progetti legati al fondo di sviluppo e coesione, prettamente per il Sud. Altri 300 milioni sono invece destinati ad evitare i tagli al trasporto pubblico locale previsti nella clausola di salvaguardia. Ulteriori 100 mln di euro saranno destinati a rifinanziare il bonus diciottenni. Inoltre, altri 50 milioni di euro sono destinati alla voce “funzionamento dell’agenzia delle Entrate” per la lotta all’evasione fiscale. Tutto ciò, è stato reso possibile dal complesso delle risorse raccolte in parte dalle maggiori entrate fiscali per 2,9 miliardi di euro, alcune più strutturali come quelle prodotte dalla fatturazione elettronica altre invece una tantum, come ad esempio la rottamazione delle cartelle esattoriali, e figlie di operazioni specifiche di lotta all’evasione, a partire da quella che ha portato il gruppo Kering (proprietario di Gucci) a concordare con il fisco un versamento da 1,25 miliardi.

Altri 600 milioni aggiuntivi rispetto alle previsioni del Def arrivano da entrate contributive, grazie anche alla ripresa dell’occupazione registrata negli ultimi mesi, mentre il resto (2,74 miliardi) è figlio dei dividendi di Bankitalia, Cdp e delle altre partecipate dello Stato. Il quadro delle entrate si completa, poi, con gli 1,5 miliardi di minori spese stimate per reddito di cittadinanza e pensioni, con un “risparmio” blindato dalla clausola di salvaguardia che punta a tagliare la spesa dei ministeri se le uscite delle due misure bandiera dovessero tornare a correre. In questo modo, i saldi dei conti pubblici migliorano di 7.6 miliardi di euro, una cifra che vale lo 0,4% del Pil e che serve a riportare il deficit 2019 al 2 per cento. La sfida che adesso ci attende, e su cui stiamo lavorando, è la riduzione delle tasse a imprese, professionisti e famiglie. Per raggiungere questo importante obiettivo e trovare le risorse, ho proposto la raider tax, ossia una tassa sulle speculazioni di borsa ad alta intensità, regressiva al trascorrere del tempo e progressiva al valore del capitale.In altri termini, finanziando un’incisiva misura di alleggerimento fiscale, potremo liberare molte risorse tassando in maniera progressiva alcune transazioni finanziarie di carattere temporaneo e a scarso valore aggiunto, senza penalizzare la capacita’ di attrarre investimenti esteri. L’Italia – conclude il sen. Turco – non ha bisogno di speculatori ma di investitori permanenti che mirano a creare valore economico per il Paese e per il benessere sociale».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche