15 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 15 Aprile 2021 alle 16:13:34

Cronaca News

Commercio, il confronto per superare la crisi

Intanto cresce l’attesa per l’avvio dei saldi estivi. Sabato 6 luglio il via

saldi
Saldi estivi - Copyright: Renato Ingenito

Il confronto per superare la crisi. È questa la ricetta di Comune e Confcommercio. «L’Amministrazione in carica – spiega l’associazione del commercio – sta avviando questo difficile e lungo cammino pur tra le varie complessità di un contesto fortemente condizionato da tanti fattori, endogeni ed esogeni, non tutti facilmente governabili.

Le attività del commercio, dei servizi e del turismo naturalmente registrano e risentono della complessità delle problematiche locali – in particolare la crisi del sistema industriale – che incidono a livello economico, sociale oltre che ambientale sul tessuto economico locale. Lo svuotamento dei centri storici e delle aree urbane del commercio è un fenomeno sul quale si interrogano le amministrazioni comunali delle grandi e piccole città italiane: prima la corsa verso i centri commerciali extra urbani ed oggi il commercio on-line hanno messo in crisi il modello classico delle nostre città basato sulla presenza del commercio di vicinato. Le amministrazioni comunali di grandi città italiane, ma anche europee, sono impegnate a studiare e mettere in atto strategie per riportate in vita i centri urbani del commercio, perché è chiaro a tutti che dove ci sono i negozi c’è sicurezza, cura degli spazi, economia. Taranto dunque si trova ad affrontare una problematica che è nazionale, ma con tutte le aggravanti e le criticità locali determinate dalle ben note vicende legate alla crisi industriale.

C’è voglia di fare, di provare ad investire, ma i numeri non sono incoraggianti: per ogni nuova attività che si apre, due chiudono. I dati del primo trimestre 2019 – dicono da Confcommercio – parlano chiaro: 68 iscrizioni, 140 cessazioni nel commercio, 12 nuove attività nel turismo e 21 che cessano». Su questi temi sarà articolato il confronto che fra un paio di mesi, dopo la pausa estiva, Confcommercio avvierà con il Comune di Taranto. «E’ infatti volontà del sindaco Rinaldo Melucci avviare, attraverso un forum monotematico sul commercio, un momento di confronto sull’azione programmatica dell’Amministrazione comunale. Una proposta pienamente accolta da Confcommercio Taranto, secondo la quale tale percorso potrà essere l’occasione per l’avvio di un nuovo rapporto tra pubblico e privato, basato su una collaborazione che superi tutte le conflittualità che solitamente dividono le parti. E con l’assessore alle attività produttive, Giovanni Cataldino, si è già avviato un lavoro di prima pianificazione dell’appuntamento, concordando che dovrebbero essere almeno 4 le direttrici su cui si dovrà impostare il confronto: Tassazione e fiscalità – Programmazione urbanistica e commerciale- Abusivismo, Sicurezza, Decoro- Mobilità (e sosta).

Tematiche tra l’altro in buona parte connesse alla programmazione strategica del Comune di Taranto. Contestualmente, si andrà ad avviare un percorso di confronto su altri temi specifici, altrettanto rilevanti per lo sviluppo economico alternativo: turismo, mitilicoltura ed innovazione tecnologica. E’ chiaro che nel frattempo c’è l’ordinaria amministrazione, la quotidianità su cui non si deve abbassare la guardia. A margine – si è concordato – saranno organizzati dei focus sulla situazione delle aree commerciali cittadine (Borgo, via Cesare Battisti, v.le Liguria e Città Vecchia) per individuare criticità e problematiche ed avviare iniziative in stretta collaborazione tra commercianti ed Amministrazione. Inoltre, per quanto attiene il Duc Taranto, c’è l’impegno del sindaco a seguire personalmente la sua riorganizzazione – a partire dalle nomine dei due componenti in rappresentanza dell’Amministrazione comunale – per far si che il Distretto diventi vero strumento di sviluppo e di riqualificazione del commercio cittadino».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche