Cultura News

“Alba nera”: De Cataldo presenta il suo romanzo noir

Lo scrittore di origine tarantina ospite de “L’angolo della conversazione”

Giancarlo De Cataldo
Giancarlo De Cataldo

Il suo libro più noto è, senza dubbio, “Romanzo criminale”, ma sono tante le opere letterarie da lui firmate: lui è Giancarlo De Cataldo, magistrato e affermato scrittore di origine tarantina. L’ultimo suo libro, “Alba nera”, sarà da lui stesso pre­sentato sabato, 6 luglio, allo Yachting – il club in via Ombrine nr. 4, a San Vito – durante il primo appuntamento con “L’angolo della conversazione”, rassegna culturale quest’anno alla sua 14a edizione, per il sesto anno orga­nizzata dallo stabilimento balneare, in stretta collaborazione con la BCC di San Marzano (partner la libreria Ubik di Taranto). L’incontro, aperto al pubblico con ingresso libero, si terrà nella rinnovata area Barotto del club, preceduto da un intrattenimento musicale a cura di Maurizio Gravina, tra i più noti e apprezzati dee jay.

“Alba nera” (Rizzoli) è un thriller feroce ambientato a Roma. Una Roma inquietante, ma allo stesso tempo seducente. Protagonista è il com­missario Alba Doria, personaggio particolarissimo, affetto dalla triade oscura, un disturbo della personalità che propugna la totale affermazione di sé. Scaltra e manipolatrice, la sbirra sta per intraprendere la sua personale scalata. Ma quando viene ritrovato il cadavere di una donna brutalmente assassinata, il fantasma di un serial killer sembra tornare dal passato. E con lui tornano anche il Biondo e il dottor Sax. Irruente e tormentato, il primo; freddo e amante della musi­ca, il secondo, sono stati entrambi colleghi e amici di Alba. E non solo: perché il Biondo e la Doria erano legati sentimentalmente. Alba dovrà fermare l’assassino e scoprire chi tra i suoi due compagni ha tradito.

Giancarlo De Cataldo vive a Roma dove è stato giudice presso la Corte D’Assise. Collabora con quotidiani e riviste tra cui Repubblica, Messag­gero, l’Unità e Corriere della Sera Magazine. Nel 2006 cura per la Rai il progetto “Crimini”, una serie tv scritta da grandi autori italiani. Quattro anni dopo va in onda una seconda serie e il primo episodio è “la doppia vita di Natalia Blum” di Gianrico Carofiglio, girato a Bari con Emilio Solfrizzi. Dal no­vembre 2013, assieme agli scrittori Andrea De Carlo e Taiye Selasi, è giudice del talent show letterario di Rai Tre “Masterpiece”. Del 2014 è “I semi del male” scritto con Gian­carlo Bonini, Sandrone Dazieri, Marcello Fois, Bruno Morchio ed Enrico Pandiani oltre a “Nell’om­bra e nella luce”, romanzo noir ambientato nella Torino di Carlo Alberto di Savoia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche