Calcio News Sport

Approvato il bilancio del Taranto

La Fondazione Taras si è astenuta. Massimo Giove nominato amministratore unico

Massimo Giove
Massimo Giove

Durante l’assemblea dei Soci del Taranto F.C. 1927, è stato approvato a maggioranza il bilancio della stagione 2017/2018.

L’A.P.S. Fondazione Taras 706 a.C. – si leg­ge in una nota – ha deciso di astenersi dalla votazione a causa delle perplessità derivan­ti dall’aumento della massa debitoria del club e in segno di dissenso per il ritardo di sette mesi con cui si è giunti a questo passaggio societario.

È stata invece approvata all’unanimità (dunque, col voto favorevole del suppor­ters’ trust) la misura della riduzione del ca­pitale per perdite, necessaria per diminuire il monte-debiti.

Lo scorso 4 luglio, inoltre, l’assemblea straordinaria dei Soci del club rossoblù ha ratificato alcune modifiche allo statuto so­cietario. In primo luogo, come noto, Mas­simo Giove è stato indicato come Ammi­nistratore Unico del club. La decisione di affidare l’amministrazione a un unico sog­getto anziché a un organo collegiale dovrà, per statuto, incassare il voto positivo del socio Fondazione Taras: si tratta, di fatto, di un diritto particolare che si aggiunge agli altri conservati dai tifosi. L’Ammini­stratore Unico, che resta in carica per tre esercizi, verrà scelto col gradimento del socio Fondazione Taras. Ad ogni modo, effettuata la scelta di non avere un CdA, il controllo sull’operato della società con­tinuerà a realizzarsi, come sempre, in seno all’assemblea dei Soci.

Una seconda modifica statutaria riguarda la partecipazione di un solo rappresentante del trust in seno al CdA, tanto nell’ipotesi di un Consiglio di Amministrazione a 3 che a 5 membri. Da ultimo, si è determina­to che la nomina e la scelta dell’organo di controllo spetteranno ai Soci con le mag­gioranze ordinarie.

La tifoseria – continua la Taras – è invitata a partecipare all’assemblea degli associati del trust, prevista per venerdì 26 luglio, in cui si spiegheranno in dettaglio le motiva­zioni delle scelte del direttivo della Fonda­ zione Taras.

Nei giorni scorsi è stata interamente regola­rizzata la posizione di Beppe Genchi anche in termini di tesseramento: il bomber torna a vestire la maglia del Taranto. I numeri dell’attaccante classe ‘85 sono decisamen­te importamti. Nei due anni già trascorsi in riva allo Ionio, prima dell’approdo in altre compagini di serie C, Giuseppe Gen­chi con la maglia rossoblù ha totalizzato in campionato 72 presenze con all’attivo 49 reti e 6201 minuti giocati. Se consideriamo anche le Coppe, ha raggiunto complessi­vamente le 76 presenze siglando 52 gol e totalizzando 6469 minuti giocati. Numeri ad effetto con una media realizzativa da paura che tornano al servizio del club io­nico. Forte fisicamente, di testa, di grande personalità, abile tecnicamente, Genchi è un killer dell’area di rigore. Si tratta di una operazione molto inseguita e voluta forte­mente dalla società del presidente Massi­mo Giove, ben supportata dalla voglia del giocatore di essere ancora protagonista con i colori rossoblù. La società, si legge sul sito web, ringrazia Genchi e gli augura nuove fortune professionali qui a Taranto con l’auspicio di vincere insieme.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche