13 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 13 Aprile 2021 alle 15:33:31

News Provincia

Pulsano sott’acqua, paura e danni

Residenti costretti a spostarsi col materassino. Di Lena: «Inadeguato il sistema idrico»

Pulsano sott’acqua
Pulsano sott’acqua

sabato scorso ha letteralmen­te messo in ginocchio Pulsano rivelando ancora una volta l’ina­deguatezza del suo sistema idrico delle acque bianche, sottodimen­sionato o assente”.

E’ la denuncia del consigliere Angelo Di Lena il quale aveva già evidenziato il problema chieden­do provvedimenti urgenti. “Il nu­bifragio che ha interessato la pro­vincia di Taranto ha rivelato tutta l’inadeguatezza del sistema idri­co di raccolta delle acque bianche di Pulsano – dice Di Lena- alla­gamenti e disagi si sono avuti in tutte le zone del paese e in alcuni casi la gente ha dovuto spostarsi persino con materassini e mezzi di fortuna.

I danni nelle abitazioni sono in­gentissimi e a questi si aggiun­gono i danni alle autovetture. Ho evidenziato molte volte in questi anni, dati alla mano, l’inadegua­tezza del sistema idrico di rac­colta delle acque bianche in pa­ese perché sottodimensionate e la necessità di realizzazione di una nuova rete in alcune aree che ne sono sprovviste.

Senza parlare del rischio idrogeo­logico paventato da alcuni esper­ti.

La pulizia delle grate dal foglia­me e dalla sporcizia richiesta dal sottoscritto ad inizio estate per tamponare la situazione non ha impedito il collasso di tutto il si­stema idrico di raccolta- prosegue il consigliere comunale Angelo Di Lena – occorre provvedere al più presto e chiedere alla regione di dirottare alcuni fondi destina­ti al sistema fognario di Pulsano al sistema di raccolta delle acque piovane.

Ma, soprattutto, come ho già detto nei mesi scorsi occorre ri­considerare la reale capacità del sistema idrico di raccolta. Per tali motivi ho inviato una se­gnalazione per mancato reflusso delle acque meteoriche nuova­mente al Dipartimento mobilità, qualità urbana , opere pubbliche, ecologia e paesaggio, Nucleo Vigilanza Ambientale della Re­gione Puglia, Arpa Puglia ed Acquedotto ed una richiesta di finanziamenti all’ Autorità idrica pugliese.

Sono previsti nuove piogge e oc­ corre prendere provvedimenti subito.

Ricordo che a causa di questo problema in una via del paese c’è stato il cedimento del piano stra­dale – conclude Angelo Di Lena-è necessario valutare pertanto la possibilità di chiusura di alcune strade al transito per evitare pro­blemi ancora più gravi alla cit­tadinanza in caso di nuovi cedi­menti del piano stradale”.

Com’è noto la settimana scorsa l’intero territorio jonico è stato martoriato da nubifragi, trombe d’aria e grandinate senza prece­denti.

Mercoledì a causa di una tromba d’aria segnalati tendoni e alberi sradicati a Castellaneta, Ginosa e Grottaglie.

Sabato scorso un nubifragio ha colpito la provincia tarantina. Danni ingenti alle abitazioni e danni alle autovetture parcheg­giate in strada.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche