11 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 11 Aprile 2021 alle 17:10:34

Attualità News

A Grottaglie in scena il gusto, l’artigianato e la musica

Per due giorni, nel quartiere delle ceramiche, la decima edizione di “Vino è Musica

A Grottaglie in scena il gusto, l’artigianato e la musica
A Grottaglie in scena il gusto, l’artigianato e la musica

Presentata nei giorni scorsi la rassegna “eno­culturale” Vino è Musica, che quest’anno si svolgerà il 26 e 27 luglio. La rassegna che ce­lebra la cultura, le tradizioni, l’arte, il territorio e i suoi mol­teplici sapori festeggia i suoi primi dieci anni. Evento clou di questa edizione specia­le sarà il Mondial Tornianti in tour, promosso dal Comune di Grottaglie in collaborazione con Aicc – Associazione Italia­na Città della Ceramica e Ente Ceramica Faenza. Vino, cibo e ceramiche ai piedi del trecen­tesco Castello Episcopio, in uno scenario unico al mondo: il Quartiere delle Ceramiche di Grottaglie. Arte del lavorare e plasmare la terra e i suoi pro­dotti. Questo è il format che la città di Grottaglie (TA), famosa in tutto il mondo per l’arte figu­lina, propone per il 26 e 27 lu­glio ai suoi numerosi visitatori. Oltre 300 etichette in degusta­zione, 100 aziende provenienti da Puglia, Basilicata, Campa­nia, Calabria e internazionali sparse tra i percorsi “on the road”, 9 laboratori del gusto sulle panoramiche terrazze delle botteghe ceramiche e tre enoteche “en plain air”. Ma non finisce qui! 5 saranno gli chef che, immersi nel Quartiere delle Ceramiche, tra note jazz, rock e indie di 14 band esclu­sivamente “made in Puglia”, presenteranno ai tanti winelo­ver la loro rivisitazione di piatti tradizionali, in chiave “street food” e 5 ristoratori del territo­rio che proporranno i lori abbi­namenti nei laboratori di degu­stazione. Attesissimo il cameo di Diodato, che per l’occasione si esibirà in un’inedita versione acustica e il divertente quanto ironico TG dedicato al food, al wine e all’attualità nazionale ideato e scritto dalla redazione di Lercio.it.

La rassegna, che negli anni ha già ospitato oltre 150 aziende vitivinicole, 40 chef, e 80 grup­pi musicali, in occasione del decennale metterà in mostra i migliori vini e l’artigianato tipi­co per dare vita a un appun­tamento unico ed esclusivo. Un vero e proprio viaggio nei sapori e saperi del Sud Italia.

E poi ci sarà la ceramica, la grande protagonista della due giorni. Sarà infatti il Quartiere delle Ceramiche, con le sue cinquanta botteghe ancora in attività, all’ombra del Castello Episcopio, la suggestiva cor­nice al “Mondial Tornianti”. Provengono infatti dalla Tur­chia, dalla Puglia, dal Veneto, dalla Sardegna, dall’Emilia Romagna, dalla Campania, dall’Abruzzo e dalla Basilicata i maestri tornianti che a colpi di creta si sfideranno al tornio nell’appassionante competi­zione.

Esperti artigiani e ceramisti si ritroveranno a Grottaglie per l’entusiasmante competizio­ne ideata oltre 30 anni fa a Faenza. A disposizione i con­correnti avranno 6 chili di ar­gilla e mezz’ora di tempo per misurasi in una gara che met­terà a dura prova la loro abili­tà con l’antica arte del tornio. Grande attesa per la perfor­mance fuori gara, Io, il tornio e lo scuro – Throw in the Dark durante la quale i maestri tor­nianti dovranno creare un og­getto artistico avvalendosi del­la sola memoria immaginativa e disponendo solamente delle “misure” prese con il tatto e utilizzando esclusivamente le proprie mani, la propria intui­zione e l’antico strumento del tornio da vasaio. Una prova ostica, quanto affascinante, che porterà gli artisti a supera­re i propri limiti.

«Ogni anno Vino è Musica è un po’ come l’argilla che il ma­estro ceramista centra sulla gi­rella del tornio – dichiara Enza De Carolis, organizzatrice di Vino è Musica – Nel corso dei mesi di preparazione, può as­sumere forme “di rivoluzione”, a volte anche casuali, ma sono l’effetto di operazioni rigorose che preparano alla creazio­ne di nuovi profili per dar vita all’oggetto finale. Vedere ogni anno prendere forma una nuo­va edizione di Vino è Musica costituisce per noi organiz­zatori un momento esaltante come quello del ceramista che vede la materia prendere for­ma sotto le sue mani».

Nella due giorni ci saranno inoltre mostre d’arte cerami­ca dedicate al vino, laboratori didattici rivolti ai piccoli visita­tori all’interno del Museo della Ceramica, visite alla mostra di ceramica contemporanea “MediTERRAneo” e oltre 50 botteghe artigiane da visitare dove le mani dei maestri figu­lini, tinte di terra e colore, mo­dellano e dipingono da oltre cinque secoli.

«Grande originalità e innova­zione per una rassegna irri­nunciabile dell’estate pugliese – dichiara il sindaco di Grot­taglie, Ciro D’Alò – che da 10 anni si conferma una valida offerta turistica con proposte enogastronomiche che hanno permesso di essere decretata da alcune testate nazionali tra gli eventi più rilevanti legati al vino. Come amministrazio­ne comunale abbiamo voluto dare il nostro supporto inse­rendo all’interno della rasse­gna la tappa dell’importante competizione internazionale del “Mondial Tornianti”. Con questa collaborazione – con­tinua il sindaco – si apre un percorso più strutturato che coniuga turismo, accoglienza e promozione della ceramica: si tratta di un percorso impor­tante in grado di proporre ai nostri visitatori un’esperienza turistica multisensoriale».

Insomma, un appuntamento imperdibile per chi vuole ap­profondire il mondo del vino abbinando gastronomia medi­terranea, storia, arte, musica e cultura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche