News Provincia

Terre delle Gravine, ecco il viaggio delle vertigini

Il 25 luglio la presentazione della guida turistica

Santuario Madonna della Scala Massafra (foto G. Laera)
Santuario Madonna della Scala Massafra (foto G. Laera)

CRISPIANO – Terra delle Gra­vine, il viaggio delle vertigini. Nasce la guida turistica dedicata a questi luoghi ricchi di fascino: presentazione il 25 luglio. Un angolo selvaggio e ancestrale, dove si fondono storia e leggen­da. Qui, tra boschi, canyon e macchia mediterranea, è la natu­ra a dettare le regole. Da Ginosa a Grottaglie, ecco la “Terra del­le Gravine”, un territorio vasto e variegato, raccontato nell’o­monima guida turistica di Posa Edizioni, che verrà presentata giovedì 25 luglio nella masseria Amastuola (Crispiano, ore 20). Un lavoro di ricerca minuzioso che l’autrice, l’archeologa Car­mela D’Auria – da anni impegna­ta nella valorizzazione di questi luoghi – ha considerato un «atto d’amore» per la sua terra.

Qui sono stati ambientati dei film, di questi scenari si è invaghito per­sino Pasolini e hanno dato i nata­li al divo per eccellenza Rodolfo Valentino. Uno scrigno di tesori da scoprire in quello che è stato definito «il viaggio delle vertigi­ni». Si tratta della seconda pub­blicazione della collana Itinera, dedicata al mondo dei viaggi, delle arti e delle culture, dopo il volume “Taranto, la città dei due mari”, che ha registrato un gran­de interesse di pubblico e addetti ai lavori. E ora tutti pronti per questa nuova avventura che par­te da Ginosa con le sue stradine e le spiagge di sabbia sottile, fa tappa a Laterza, città del pane, della carne arrosto, della maio­lica e della gravina più grande d’Europa, raggiunge Castellane­ta con i suoi canyon, la marina e il museo dedicato al mito del cinema muto, Palagianello con le sue case-grotta e Mottola con il centro storico medievale e le grotte di Dio, ma anche Massa­fra che conserva il maggior pa­trimonio rupestre, Crispiano con le sue 100 masserie, Statte con i dolmen preistorici e l’acquedot­to romano e infine Grottaglie, con le sue botteghe di ceramisti.

In ogni comune, molto altro. In ogni sezione, suggerimenti su cosa vedere, dove mangiare e le attività da provare almeno una volta: dai tour naturalistici nelle riserve alle immersioni subac­quee, passando per laboratori e degustazioni, trekking ed escur­sioni in canoa. Infine, gli appun­tamenti imperdibili: feste patro­nali, riti della Settimana Santa, Festival, sagre e falò. In queste 200 pagine, consigli utili, con­tatti, informazioni di viaggio per aiutare i turisti a programmare al meglio il loro soggiorno. Il tutto impreziosito dagli scatti di Carlos Solito, fotografo e scrit­tore giramondo, Giuseppe Lae­ra, Orazio Sansonetti e Isabella Bello. Progetto grafico di Luigi Notarnicola. Tracce del passa­to, dal passaggio dell’uomo di Neanderthal ai villaggi rupestri medievali, che in epoca moderna continuano ad affascinare i visi­tatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche