24 Gennaio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 23 Gennaio 2021 alle 14:34:27

Cronaca News

La svolta attesa: il porto ha il suo nuovo piano regolatore

Approvata la delibera della giunta regionale. La soddisfazione dell’assessore Borracino

Il porto di Taranto
Il porto di Taranto

Via libera al nuovo piano regolatore del porto. La giunta regionale ha approvato l’atto mediante una variante al Piano regolatore generale ex art. 16 della Legge regionale 56/1980 e dopo la verifica dell’avvenuto adeguamento alle prescrizioni della delibera di giiunta regionale n. 836 del 2018. «La Delibera – spiega l’assessore regionale allo sviluppo economico Mino Borracino – è stata assunta una volta eseguite le prescrizioni regionali sulla valutazione ambientale strategica dell’area interessata e sul rischio di incidenti rilevanti e dopo aver preso atto degli adeguamenti effettuati dal Comune di Taranto».

«Per quanto riguarda il tema della Valutazione Ambientale Strategica – spiega ancora l’assessore – la Sezione Autorizzazioni Ambientali ha ripercorso il quadro normativo di settore e l’iter procedimentale, sia in ordine al nuovo Piano Regolatore Portuale, sia in ordine alla Variante al Piano regolatore, concludendo che le attività tecnico-istruttorie relative risultano definitivamente compiute e che rientra nelle competenze del Comune di Taranto – in qualità di autorità procedente – il pieno adempimento, nella fase esecutiva/applicativa/ gestionale della pianificazione urbanistica, delle osservazioni e dei rilievi complessivamente emersi nell’ambito dei procedimenti Vas». Altro aspetto è quello del rischio di incidenti rilevanti: «La Direzione Pianificazione Urbanistica-Piano Mobilità ha dichiarato l’assenza di particolari limitazioni sull’utilizzo di dette aree e/o l’introduzione di eventuali fasce di rispetto. È stato anche espresso parere favorevole, dagli Uffici competenti, circa la Compatibilità Paesaggistica di cui all’art 96 comma 1 lettera c delle NTA del PPTR sulla variante al PRG adottata dal Comune di Taranto per il Nuovo Piano Regolatore del Porto. Pertanto, la Giunta Regionale ha approvato la Variante al PRG del Comune di Taranto per il nuovo Piano Regolatore Portuale, con precisazioni finali relative agli aspetti ambientali, ai vincoli territoriali e agli aspetti paesaggistici e agli aspetti urbanistici». Fin qui gli aspetti tecnici. Per quanto riguarda gli sviluppi che l’approvazione del nuovo piano regolatore potrà offrire al porto, per lo scalo si aprono prospettive davvero interessanti.

«L’approvazione di questa Delibera riveste grande importanza, anche in considerazione del fatto che a partire dal 30 luglio prossimo la società turca Ylport, una delle più quotate al mondo, assumerà la gestione dell’area portuale. Si tratta, come è noto, del gruppo che, insediandosi sul molo polisettoriale, succederà ad Evergreen riavviando così l’attività dopo un fermo di alcuni anni. Si avvierà così il riassorbimento graduale delle centinaia di lavoratori già dipendenti di Evergreen». Forse siamo davvero ad una stagione nuova per il porto di Taranto, dopo anni di crisi legati anche alla riduzione dell’attività industriale. L’approvazione del piano regolatore e le iniziative collaterali come l’attivazione del corso di laurea in scienze marittime e portuali e la trasformazione del vecchio ristorante Gambero in museo portuale riportano il porto al centro delle ambizioni di sviluppo del territorio tarantino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche