Attualità News

“Mondial tornianti” a Grottaglie

L’appuntamento è in programma venerdì 26 e sabato 27 luglio

“Mondial tornianti” a Grottaglie
“Mondial tornianti” a Grottaglie

GROTTAGLIE – Il Comune di Grottaglie, in occasione della X edizione di “Vino è Musica”, in programma dal 23 al 27 luglio a Grottaglie, organizza, in collaborazione con l’Ente Ceramica Faenza, la III edizione del “Mondial tornianti in tour”, manifesta­zione itinerante in Italia tra le città di antica tradizione ce­ramica. Ideato a Faenza nel 1980, il ‘Mondial Tornianti’ è un prestigioso torneo al quale partecipano esper­ti artigiani e ceramisti pro­venienti da tutto il mondo, pronti a sfidarsi nell’arte del­la ceramica dando prova di tutta la loro maestria e crea­tività. Il torneo, che dal 2017 prevede anche una speciale edizione itinerante, denomi­nata appunto ‘Mondial Tor­nianti in Tour’, sarà ospitato per la prima volta dalla città di Grottaglie nelle giornate di venerdì 26 e sabato 27.

La rassegna “Vino è musica”, che accoglierà la gara, negli anni ha già ospitato oltre 150 aziende vitivinicole, 40 chef e 80 gruppi musicali. In oc­casione del decennale met­terà in mostra i migliori vini e l’artigianato tipico per dare vita a un appuntamento uni­co ed esclusivo. Un vero e proprio viaggio nei sapori e saperi del Sud Italia, grazie alla presenza di produttori provenienti da Puglia, Basi­licata, Campania e Calabria.

Dunque, la gara. Due i titoli principali che verranno as­segnati in questa sfida a col­pi di argilla e tornio: campio­ne mondiale in tour tecnico maestri e campione mondia­le in tour esteta.

Il titolo di campione mon­diale in tour tecnico maestri andrà al torniante che con­seguirà il miglior risultato tra le prove uniche di realizza­zione del cilindro più alto e realizzazione della ciotola più larga.

Quello di esteta per “i con­tenitori del vino” spetterà a chi abbia realizzato il ma­nufatto più bello seconda la giuria. Saranno previsti pre­mi per i primi tre classificati di entrambi i titoli. La prova verrà giudicata dalla Giuria in base a parametri estetici, tecnici e artistici. La Giuria sarà composta da persona­lità della cultura e da tecnici del settore nominati dal Co­mune di Grottaglie.

Fuori gara si terrà, vener­dì 26 luglio alle 22,30, una performance speciale di tor­nianti bendati ‘Io, il tornio e lo scuro’. L’evento, giunto alla quarta edizione, vuole porre particolare attenzione alla possibilità della cerami­ca di essere mezzo di svilup­po di attività ludiche, didat­tiche e curative negli ambiti del miglioramento delle ca­pacità sensoriali artistiche e comunicative delle singole persone.

La gara darà modo di speri­ mentare la capacità di cre­are un oggetto da bendati, avvalendosi della sola me­moria immaginativa. I mae­stri tornianti si cimenteranno in questo non facile eserci­zio, prendendo le propor­zioni di un oggetto senza poterlo vedere, disponendo solamente delle “misure” prese con il tatto e le mani, partendo dalla creta e uti­lizzando esclusivamente le proprie mani, la propria in­tuizione e l’antico strumento del tornio da vasaio.

Il torneo mondiale dei tor­nianti nel Quartiere della Ce­ramiche di Grottaglie, grazie soprattutto, all’impegno te­nace dell’Amministrazione comunale grottagliese, sa­prà far accendere i riflettori su un avvenimento che non ha soltanto valenza specifi­ca con l’arte del tornio, ma che richiamerà l’attenzione degli addetti ai lavori e di molti turisti e curiosi su uno dei momenti più esaltanti nella creazione di un ogget­to di ceramica.

Se l’argilla è la materia pri­ma da plasmare, il tornio viene chiamato a dare forma a quello che diventerà l’og­getto di arte ceramistica che finirà per fare bella mostra di sé in una delle non poche località mondiali dove la ce­ramica è ancora, come da sempre, sinonimo di arte e cultura. Per due giorni il tor­nio salirà sul podio regale per dire la sua anche a va­lenti maestri a livello mon­diale.

L’importante kermesse vedrà anche la presenza non meno importante della enogastro­nomia grottagliese, fattore trainante di un turismo che l’Amministrazione grotta­gliese sta portando avanti per irrobustire il settore tu­ristico e culturale, ma anche con grande attenzione verso il mondo giovanile chiamato a rispondere all’appello di volersi dedicare a quest’arte antica della ceramica per la quale, e nella quale, un po­sto di rilievo è riservato nel futuro prossimo commercia­le del nostro Paese.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche