Le colonne doriche
Le colonne doriche

Si ritorna in Città Vecchia, tra i vicoli e i Palazzi storici, con “Isola Festival”, l’evento che attraverso la musica, l’arte, il gusto e lo spettacolo punta a valorizzare, riscoprire e promuovere la città. E non solo. Giovedì, 25 luglio, la presentazione alla stampa dell’edizione 2019 della manifestazione che anche quest’anno, così come da tradizione, porterà in città artisti di livello ogni mercoledì, per cinque settimane consecutive.

Si parte il 31 luglio e fino al 28 agosto nelle location interessate approderanno musicisti, artisti di strada, dee jay, band. Ma c’è una novità: il 14 agosto il Festival si sposta al Viale del Tramonto, a San Vito, per dare ai tarantini la possibilità di «riappropriarsi di un luogo che per la sua bellezza si trasforma in un palcoscenico naturale di grande suggestione per qualsiasi evento artistico», ha sottolineato l’assessore alla Cultura, Fabiano Marti, presente all’incontro con la stampa insieme a Toto Santacroce – presidente dell’associazione “Terra”, organizzatrice del Festival – e Roberta Murciano, presidente di One Hour, il gruppo che ha curato la direzione artistica dell’evento. Dal Castello Aragonese a Palazzo Galeota, dal Chiostro Santa Chiara a via Duomo, passando da Palazzo Pantaleo, Palazzo Amati, Palazzo Barion, piazza Fontana; dalla Pensilina Liberty a via Garibaldi per raggiungere piazza Monte Oliveto e piazza Costantino: ogni angolo, ogni luogo si trasformerà in un teatro a cielo aperto per accogliere gli artisti.

A fare da filo conduttore ad ogni iniziativa sarà la musica mediterranea, proposta il 31 luglio dai “Cantiga de la serena” (formazione che rielabora la musica antica del bacino del Mediterraneo), dalla “Kerkim world music”, dal trio etno jazz “Mezcal”, dal duo “Sefarad” il 21 agosto e dalla “Banda adriatica”, attesissima il 28 agosto. Il 7 agosto, invece, Palazzo Pantaleo ospiterà il djset di Moplen e, il 21 agosto, alla consolle allestita per l’occasione presso l’Arco San Giovanni salirà il dee jay Fort Romeau (nel primo tondino). «Sono contento che anche quest’anno parta l’Isola Festival – ha detto Marti – Come Amministrazione abbiamo voluto investire di più perchè crediamo fortemente nell’inizativa, soprattutto perchè riunisce tanti giovani. Sono particolarmente soddisfatto: siamo riusciti nella sfida di programmare l’appuntamento del 14 agosto in un luogo come il Viale del Tramonto che, per lungo tempo, la vigilia di Ferragosto è stato preso sempre d’assalto ed utilizzato come una sorta di “accampamento”.

La Città Vecchia si riempirà di arte e di musica, di artisti di strada. E grazie al lavoro fatto da “Terra” e One Hour succederanno davvero tante cose: per qualche sera ci riprendiamo il centro storico di Taranto. Stiamo lavorando perchè questo accada più spesso e divenga la normalità. Sarà una grande festa: la città ha bisogno di scrollarsi di dosso per, almeno per un po’, i problemi. E come Amministrazione stiamo riuscendo a creare ogni sera movimento. C’è sempre qualcosa da fare». Gli spettacoli avranno inizio alle ore 19 e fino alle 24 si farà festa. Durante i cinque mercoledì, la Ringhiera della Città Vecchia resterà chiusa al traffico, mentre sarà possibile percorrere via Garbaldi. Partner istituzionali dell’evento, oltre al Comune di Taranto sono la Marina Militare e l’Arcidiocesi, mentre i partner sociali sono Retake South Bike e Movidabilia. L’accesso a tutte le performance in programma è gratuito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche